Bologna, 6 maggio 2021 - Domani, venerdì 7 maggio, ci sarà una nuova cabina di regia da parte del Ministero della Salute che deciderà sul fronte dei colori delle regioni. Sul fronte pandemia da Coronavirus, la situazione in Italia sta migliorando e l'Emilia Romagna, salvo clamorose sorprese, non dovrebbe rischiare di perdere la zona gialla. L'indice Rt, i contagi ogni 100mila abitanti e i ricoveri ospedalieri rispettano i parametri che consentono misure di restrizione più lievi. Inoltre, tra qualche giorno, il governo dovrebbe cambiare il coprifuoco e spostarlo alla mezzanotte. Il presidente Bonaccini ha detto in proposito: "Mi auguro che il Governo, a metà maggio, decida di togliere il coprifuoco alle 22".

L'aggiornamento Covid Emilia Romagna: bollettino coronavirus 7 maggio 2021. Dati e contagi

Per ciò che riguarda il nuovo bollettino c'è stato un balzo dei nuovi contagi in Emilia Romagna che sono 824 (ieri erano 561) su oltre 30mila tamponi effettuati, con una percentuale di nuovi positivi che sale dall'1,9% al 2,7%. Aumentano i guariti (+367) e calano i ricoveri (-86). Le province più colpite sono Modena, Parma e Bologna. L'età media nei nuovi positivi è di 38,3 anni, mentre purtroppo sono ancora 19 i morti per Covid. Per ciò che riguarda le vaccinazioni, invece, è stato oltrepassato il milione e 800mila dosi somministrate. 

Visite ai parenti nelle terapie intensive: parte la Puglia - Covid, martedì la protesta dei centri commerciali: "Fateci riaprire nel weekend" - Astrazeneca: a chi è destinato. E quando la seconda dose

Covid Italia: il bollettino del 6 maggio

Sono 11.807 i positivi al test del coronavirus in Italia nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute. Ieri erano stati 10.585. I nuovi casi sono stati trovati su 324.640 tamponi molecolari e antigenici analizzati, che portano il tasso di positività ad aumentare dal 3,2% al 3,6%. I pazienti ricoverati in terapia intensiva per il Covid in Italia sono 2.308, in calo di 60 unità rispetto a ieri nel saldo quotidiano tra entrate e uscite, mentre gli ingressi giornalieri, secondo i dati del ministero della Salute, sono stati 127 (ieri 142). Nei reparti ordinari sono invece ricoverate 16.867 persone, in calo di 653 unità rispetto a ieri.

Coronavirus bollettino Emilia Romagna del 6 maggio 2021

Dall’inizio dell’epidemia da Coronavirus, in Emilia-Romagna si sono registrati 373.632 casi di positività, 824 in più rispetto a ierisu un totale di 30.249 tamponi eseguiti nelle ultime 24 ore. La percentuale dei nuovi positivi sul numero di tamponi fatti da ieri è del 2,7%La situazione dei contagi nelle province vede Modena con 183 nuovi casi, seguita da Parma (140) e Bologna (134); poi Rimini (75), Ravenna (67) e Reggio Emilia (57); quindi Forlì (41), Cesena (38) e Ferrara (36); infine Piacenza (27) e il Circondario Imolese (26).

La mappa del contagio

Questi i casi di positività sul territorio dall’inizio dell’epidemia, che si riferiscono non alla provincia di residenza, ma a quella in cui è stata fatta la diagnosi: 23.161 a Piacenza (+27 rispetto a ieri, di cui 14 sintomatici), 26.647 a Parma (+140, di cui 64 sintomatici), 45.366 a Reggio Emilia (+57, di cui 33 sintomatici), 63.626 a Modena (+183, di cui 115 sintomatici), 79.814 a Bologna (+134, di cui 100 sintomatici), 12.381 casi a Imola (+26, di cui 16 sintomatici), 22.749 a Ferrara (+36, di cui 12 sintomatici), 29.581 a Ravenna (+67, di cui 30 sintomatici), 16.255 a Forlì (+41, di cui 24 sintomatici), 18.827 a Cesena (+38, di cui 34 sintomatici) e 35.225 a Rimini (+75, di cui 32 sintomatici).

image

Morti per Covid

Purtroppo, si registrano 19 nuovi decessi: 1 a Parma (un uomo di 88 anni); 3 nella provincia di Reggio Emilia (tutti uomini, di 57, 69 e 79 anni); 4 nella provincia di Modena (una donna di 86 anni e tre uomini di 71, 76, e 93 anni); 3 in provincia di Bologna (due donne, di 79 e 92 anni, e un uomo di 86); 3 nel ferrarese (tutte donne, due di 83 e una di 84 anni); 1 in provincia di Ravenna (un uomo di 63 anni); 3 in provincia di Forlì-Cesena (tre uomini, rispettivamente di 66, 86 e 94 anni); 1 nel riminese (un uomo di 76 anni). Nessun decesso nella provincia di Piacenza.

Ricoveri Coronavirus

I pazienti ricoverati in terapia intensiva sono 204 (-9 rispetto a ieri), 1.466 quelli negli altri reparti Covid (-77). Sul territorio, i pazienti ricoverati in terapia intensiva sono così distribuiti: 9 a Piacenza (numero invariato rispetto a ieri), 15 a Parma (invariato), 24 a Reggio Emilia (-1), 28 a Modena (-1), 60 a Bologna (+1), 8 a Imola (-4), 20 a Ferrara (-2), 13 a Ravenna (+1), 6 a Forlì (-1), 5 a Cesena (-1) e 16 a Rimini (-1).

Guariti e casi attivi

Per quanto riguarda le persone complessivamente guarite, sono 367in più rispetto a ieri e raggiungono quota 321.141. I casi attivi, cioè i malati effettivi, a oggi sono 39.515 (+438 rispetto a ieri). Di questi, le persone in isolamento a casa, ovvero quelle con sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere o risultano prive di sintomi, sono complessivamente 37.845 (+524), il 95,7% del totale dei casi attivi.

Vaccini Covid: la campagna in Emilia Romagna

Continua intanto la campagna vaccinale anti-Covid, che in questa fase riguarda il personale della sanità e delle Cra, compresi i degenti delle residenze per anziani, in maggioranza già immunizzati, gli ultraottantenni in assistenza domiciliare e i loro coniugi, se di 80 o più anni, e le persone dai 65 anni in su, mentre da oggi sono aperte le prenotazioni anche per i 60-64enni, con le prime somministrazioni effettuate in giornata. Alle 15 sono state somministrate complessivamente 1.819.537 dosi; sul totale, 615.094 sono seconde dosi, e cioè le persone che hanno completato il ciclo vaccinale.  

Fondazione Gimbe: i numeri dell'Emilia Romagna

A livello nazionale il monitoraggio indipendente della Fondazione Gimbe ha rilevato nella settimana 28 aprile-4 maggio, rispetto alla precedente, una diminuzione di nuovi casi (78.309 vs 90.449) (figura 1) e decessi (1.826 vs 2.279). In calo anche i casi attualmente positivi (413.889 vs 448.149), le persone in isolamento domiciliare (393.290 vs 425.089), i ricoveri con sintomi (18.176 vs 20.312) e le terapie intensive (2.423 vs 2.748) (figura 3). 

Sempre secondo la Fondazione Gimbe, per ciò che concerne l'Emilia Romagna, invece, i contagi ogni 100mila abitanti in quest'ultima settimana sono 876 con un calo dei nuovi casi pari al 10,2%. I posti letto in area medica occupati da pazienti Covid è del 25%, mentre i pazienti Covid che occupano posti in terapia intensiva sono al 28%. 

Vaccinazioni. In Emilia Romagna è stato vaccinato il 26,2% della popolazione. Il 13,2% è immunizzato totalmente (ovvero ha ricevuto entrambe le dosi del siero), mentre il 13% ha ricevuto solo una dose del vaccino. Nella fascia d'età che comprende gli over 80, la percentuale della popolazione vaccinata è del 92,4%: all'82% sono state inoculate entrambe le dosi, al 10,4% solo una. Per ciò che riguarda la fascia d'età 70-79 anni, invece, sono stati coperti dal vaccino il 73% delle persone (15,6% con entrambe le dosi e il 57,4% con una dose).

Pass vaccinale, Bonaccini: "Straordinario per il turismo"

"Mi pare che Draghi abbia detto una cosa, sul passaporto vaccinale, straordinaria perché anticiperemo di circa un mese l'Europa" con questo documento "per far venire qui quelli che dimostrano di non mettere in
pericolo la salute di nessuno e che potranno arrivare da altre parti d'Europa e del mondo". Lo ha detto, intervenendo su Rainews 24, il presidente della Regione Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini, replicando a chi gli chiedeva un commento sull'avvio di una vaccinazione di massa in Sicilia e Campania per avere isole cosiddette 'covid free' in ottica turistica.

"Per quanto riguarda le isole - ha osservato sorridendo - noi siamo una regione che non ha alcuna isola e quindi non possiamo fare come altri. Abbiamo un turismo che non è solo la costa romagnola, benché preponderante - ha aggiunto -: a fine mese abbiamo fatto un accordo con le parti sociale, sindacati, associazioni economiche e inizieremo a consegnare i vaccini per fare degli hub in ogni provincia dove andare a vaccinare e il tema" di aree covid-fre, ha argomentato ancora Bonaccini, "è un tema che discuteremo rispetto a tutti gli operatori di quel settore", il turismo, "che per l'Emilia-Romagna, vale circa il 15% del Pil, con i romagnoli che hanno inventato una industria turistica che fa gola al mondo avendo meno opportunità naturalistiche di tante altre parti".

Vaccini Covid: l'Emilia Romagna gioca d'anticipo con gli over 60

Sono più di 81mila, un terzo del target complessivo, i cittadini emiliano-romagnoli tra i 60 e i 64 anni che alle 18 di oggi hanno già fissato l’appuntamento, con data, luogo e ora, per la loro vaccinazione contro il Coronavirus. E oltre mille di loro, nati tra il 1957 e il 1961, hanno già ricevuto la prima dose: è successo a Bologna, in Romagna e a Ferrara, mentre nelle altre aziende sanitarie le inoculazioni partiranno nei prossimi giorni. Le 81.068 prenotazioni sono avvenute attraverso i diversi canali disponibili, dagli sportelli Cup alle farmacie che effettuano servizio Cup, dal Fascicolo Sanitario Elettronico all’App ER Salute, dal CupWeb al telefono, e nonostante il numero elevato di richieste non risultano particolari segnalazioni di disservizi o difficoltà nel sistema regionale di prenotazione.

Le prenotazioni effettuate sono così suddivise: 3.945 sono state a Piacenza, 7.431 a Parma, 7.188 a Reggio Emilia, 13.177 a Modena, 20.893 a Bologna, 3.328 a Imola, 6.344 a Ferrara e 18.762 nelle province di competenza dell’Ausl della Romagna, cioè Forlì-Cesena, Ravenna e Rimini (Forlì 3.063, Cesena 3.734; Ravenna 7.164; Rimini 4.801).. 

Coronavirus altre notizie

Nuovi colori delle regioni: chi può cambiare. Italia quasi tutta gialla

Marche ancora zona gialla: i dati lo confermano

Coronavirus, il coprifuoco cambia dal 17 maggio. L'ipotesi: a casa entro mezzanotte

Sprint vaccini, l'Emilia Romagna gioca d’anticipo. Da oggi il via alle prenotazioni per i 60enni

Spiagge Covid free in Romagna? Bonaccini apre: "Pronti a parlarne"

Riapertura: palestre, piscine e coprifuoco. Il calendario giorno per giorno

Contagi-bis, i sintomi sono quasi sempre lievi. Quanto dura l'immunità? La guida