Bologna, 17 agosto 2021 - L'Emilia Romagna non rischia la zona gialla. Questo venerdì 20 agosto (come consuetudine) il ministero della Salute si pronuncerà sui cambi di colore delle regioni italiane (per ora tutte in zona bianca), in merito alla pandemia da coronavirus. Ma nel nostro territorio, seppure abbia un'incidenza più alta del limite dei 50 casi ogni 100mila abitanti (92,72), non verranno introdotte limitazioni. Anche perché sia le terapie intensive (5%), sia i ricoveri negli altri reparti covid (5%) sono lontani da percentuali allarmanti. 

Covid oggi 17 agosto 2021 in Emilia Romagna

Il bollettino Covid di oggi, 17 agosto 2021, parla di contagi in lieve salita in Emilia Romagna rispetto a ieri. Nelle ultime 24 ore, infatti, ci sono stati 478 nuovi positivi (ieri erano stati 458) su quasi 28 mila tamponi eseguiti, con la percentuale dei positivi che crolla dal 4,1% all'1,7%). Sono però in rialzo i ricoveri (+21), mentre si registrano 319 guariti. L’età media dei nuovi positivi è 35,3 anni. Purtroppo ci sono stati sette morti (due quelli di ieri), che però contemplano alcuni decessi non conteggiati negli ultimi ultimi 10 giorni. Sei di queste sette vittime sono a Bologna. Vaccini: sono oltre 5,5 milioni le dosi somministrate.      

Covid Italia: il bollettino del 17 agosto 2021 

Sono 5.273 i positivi ai test Covid individuati nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute. Ieri erano stati 3.674. Sono 54 invece le vittime in un giorno, rispetto alle 24 di ieri.  Sono 238.073 i tamponi molecolari e antigenici per il coronavirus effettuati nelle ultime 24 ore in Italia, secondo i dati del ministero della Salute. Ieri erano stati 74.021. Il tasso di positività è del 2,2%, in calo rispetto al 4,9% di ieri.

image

Coronavirus Emilia Romagna: i dati del 17 agosti 2021

Dall’inizio dell’epidemia da Coronavirus, in Emilia-Romagna si sono registrati 404.078 casi di positività478 in più rispetto a ieri, su un totale di 27.710 tamponi eseguiti nelle ultime 24 ore. Dei 478 nuovi contagiati, 191 sono asintomatici individuati nell’ambito delle attività di contact tracing e screening regionali. Complessivamente, tra i nuovi positivi 131 erano già in isolamento al momento dell’esecuzione del tampone, 149 sono stati individuati all’interno di focolai già noti.

La situazione dei contagi nelle province vede Bologna con 106 nuovi casi. Quindi Modena (93) e poi Rimini (61), Piacenza (42). Seguono Ferrara (38) e Parma (38), Reggio Emilia (36), Ravenna (24) Forlì (17) e Cesena (15). Quindi il Circondario Imolese (8). 

Decessi Covid in Emilia Romagna

Purtroppo, si registrano sette decessi (c’è stato un riallineamento dati relativo agli ultimi 10 giorni). Si tratta di tre uomini (96, 89 e 78 anni) e di tre donne (97, 94 e 60 anni) della provincia di Bologna, e di una donna di 72 anni della provincia di Rimini. In totale, dall’inizio dell’epidemia, i decessi in regione sono stati 13.309.

Terapie intensive e ricoveri Covid

I pazienti ricoverati in terapia intensiva sono 44 (+4 rispetto a ieri), 361 quelli negli altri reparti Covid (+17). Sul territorio, i pazienti ricoverati in terapia intensiva sono così distribuiti: 2 a Piacenza (+1 rispetto a ieri), 3 a Parma (invariato), 2 a Reggio Emilia (invariato), 9 a Modena (-1), 12 a Bologna (+1), 2 a Imola (invariato), 8 a Ferrara (+1), 1 a Cesena (+1), 1 a Ravenna (invariato), 4 a Rimini (+1). Nessun ricovero a Forlì

La mappa del contagio

Questi i casi di positività sul territorio dall’inizio dell’epidemia, che si riferiscono non alla provincia di residenza, ma a quella in cui è stata fatta la diagnosi: 24.940 a Piacenza (+42 rispetto a ieri, di cui 26 sintomatici), 30.207 a Parma (+38, di cui 16 sintomatici), 49.078 a Reggio Emilia (+36, di cui 30 sintomatici), 68.208 a Modena (+93, di cui 61 sintomatici), 85.358 a Bologna (+106, di cui 59 sintomatici), 13.036 casi a Imola (+8, di cui 6 sintomatici), 24.489 a Ferrara (+38, di cui 16 sintomatici), 31.712 a Ravenna (+24, di cui 13 sintomatici), 17.645 a Forlì (+17, di cui 13 sintomatici), 20.491 a Cesena (+15, di cui 11 sintomatici) e 38.914 a Rimini (+61, di cui 36 sintomatici).

Guariti e casi attivi

Per quanto riguarda le persone complessivamente guarite, sono 319 in più rispetto a ieri e raggiungono quota 377.341. I casi attivi, cioè i malati effettivi, a oggi sono 13.428 (+152 rispetto a ieri). Di questi, le persone in isolamento a casa, ovvero quelle con sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere o risultano prive di sintomi, sono complessivamente 13.023 (+131), il 97% del totale dei casi attivi.

Bonaccini: "Senza green pass oggi saremmo in zona rossa"

"Se avessimo affrontato questa estate senza vaccini e green pass, oggi non parleremmo del rischio tra qualche settimana di qualche regione che dalla zona bianca potrebbe andare in giallo, saremmo tutti in zona rossa e in questo momento le attività economiche che con tanti sacrifici sono state riaperte, sarebbero chiuse". Lo dice il presidente della Regione Emilia- Romagna, Stefano Bonaccini, intervenendo ieir sera a Controcorrente su Rete 4.

"Non c'è nessun Paese nelle democrazie - spiega il governatore - che abbia introdotto l'obbligo vaccinale per le persone. Il fatto che non vi sia obbligo è perchè è oggettivamente complicato". Per Bonaccini "vaccinarsi è necessario e decisivo", visto che ad esempio "nelle terapie intensive da settimane entrano solo non vaccinati". "Ci si vaccini", e' l'appello di Bonaccini che lo estenderebbe "anche ai luoghi di lavoro".

Ospedali Romagna: obbligo del green pass per i visitatori

In ottemperanza alle nuove disposizioni sul tema del green pass, la regione Emilia Romagna ha integrato le raccomandazioni già in essere per visitatori ed accompagnatori, stabilendo la necessità di essere in possesso ed esibire la certificazione verde per accedere alle strutture ospedaliere. L'Ausl della Romagna è già impegnata nell'applicazione di queste ulteriori misure di riduzione del rischio. 

Nei prossimi giorni, infatti, il personale addetto al controllo dei varchi sarà in grado di verificare il possesso del green pass mediante apposito applicativo, oltre agli altri elementi già previsti. Come da indicazioni regionali, si darà la massima priorità alle strutture ospedaliere ed ai Pronto soccorso al fine di garantire quanto più possibile ed in sicurezza l'accesso di visitatori ed accompagnatori. Naturalmente si tratta di un processo graduale che vedrà la sua piena applicazione nelle prossime settimane e nel frattempo ci si potrà avvalere anche di soluzioni alternative come l'autocertificazione. Si evidenzia che queste indicazioni sono esclusive per accompagnatori e visitatori e non valgono per i pazienti che possono accedere ai servizi ospedalieri ed ambulatoriali senza certificazione verde.

Vaccinazione senza prenotarsi per i 12-19enni

Il vaccino anti Covid diventa libero e da ieri in Emilia Romagna i ragazzi tra i 12 e i 19 anni possono andare nei centri vaccinali per sottoporsi alla profilassi senza prenotazione, come indicato dal commissario straordinario Figliuolo. L'afflusso negli hub regionali è parso buono fin dalla mattina,  in Fiera a Bologna si sono presentati 15 ragazzi ogni ora, "senza pregiudicare il corretto andamento delle vaccinazioni programmate", ha spiegato il dottor Renato Todeschini del dipartimento di Sanità Pubblica dell'Ausl e responsabile dell'hub.

Covid: le altre notizie

Crisanti: giusto no quarantena per i vaccinati, tampone dopo tre giorni da contatto

Covid, ecco come cambia la quarantena per i vaccinati

Zona gialla: la Sicilia a un passo dal 23 agosto. Nuovi dati: le regioni che possono cambiare colore

Covid, Usa: "Terza dose per tutti dopo 8 mesi". Nuovo record in Israele: oltre 8mila casi in 24 ore

Vaccini, lo sprint degli adolescenti. Via alle dosi senza prenotazione