Bologna, 18 luglio 2021 - Ancora in salita i contagi da coronavirus in Emilia Romagna, che oggi fa segnare 266 nuovi casi contro i 207 di ieri. A preoccupare è la Riviera, visto che la provincia con il magggior numero di contagi è Rimini con 63 nuovi casi (sono stati segnalati focolai per esempio a Riccione). Il tasso di positività rispetto agli oltre 13mila tamponi processati è del 2%. Tranquillizzante la situazione negli ospedali, dove i ricoveri sono in calo. Anche oggi, per fortuna, non si è registrata nessuna vittima.

Covid oggi Italia, il bollettino sul Coronavirus del 18 luglio. Dati regione per regione Colori regioni, come cambiano i parametri. I dati Covid di Emilia Romagna, Marche e Veneto

Covid oggi: i contagi in Emilia Romagna del 18 luglio 2021

Il dato che preoccupa è la crescita dei casi attivi che oggi arriva a 2.706 persone, 218 in più di ieri. Anche nella nostra regione, l variante Delta sta per diventare dominante e preoccupa la sua velocità di trasmissione e martedì è attesa la decisione del Governo sull'uso del green pass anche in Italia.

I dati in Veneto - Il bollettino nelle Marche

Covid 18 luglio 2021: i dati in regione

Sono dunque 266 i nuovi contagi rilevati su 13.203 tamponi processati, con un tasso di positività del 2%. L'età media dei nuovi malati resta molto bassa: 29,9 anni. Dei 266 casi, 69 sono asintomatici e soltanto 39 sono stati rilevati grazie al contact tracing (un dato molto basso, purtroppo, che non consente di circoscrivere i  nuovi focolai). La provincia con il maggior numeri di nuovi casi Rimini (63), seguono Reggio Emilia (49) e Bologna (39); poi Modena (31), Parma (20), Cesena (11) e Ravenna (11). Quindi Ferrara (5), Forlì (5) e infine Circondario Imolese (4). I nuovi guariti sono solo 48 in più rispetto a ieri.

Nessun nuovo morto

Resta per fortuna fermo il terribile contatore delle vittime di persone affette dal coronavirus che in regione ha già raggiunto la spevantosa cifra di 13.268.

Ricoveri in calo

A dispetto dell'aumento dei contagi, continua a scendere il numero dei pazenti covid ricoverati negli ospedali emiliano romagnoli. Sono 141 quelli nei reparti non critici (-4) e 13 (-1) quelli in terapia intensiva: 3 a Piacenza (numero invariato rispetto a ieri), nessuno a Parma (-1), 4 a Modena (invariato), 4 a Bologna (invariato), 1 a Ferrara (invariato), e 1 a Rimini (invariato). Nessun ricovero in terapia intensiva anche Reggio Emilia, Imola, RavennaForlì e Cesena.

Vaccino covid: quasi 2 milioni di doppie dosi

Alle ore 13 di oggi - fa sapere la Regione - sono state somministrate complessivamente 4.522.192 dosi; sul totale, 1.954.060 sono le persone che hanno completato il ciclo vaccinale. Il conteggio progressivo delle somministrazioni di vaccino effettuate si può seguire in tempo reale sul portale della Regione Emilia-Romagna dedicato all’argomento: https://salute.regione.emilia-romagna.it/vaccino-anti-covid, che indica anche quanti sono i cicli vaccinali completati. Tutte le informazioni sulla campagna: https://vaccinocovid.regione.emilia-romagna.it/.

La mappa del contagio

Ecco come sono suddivisi i 266 nuovi casi di oggi: 28 a Piacenza (di cui 15 sintomatici), 20 a Parma (di cui 13 sintomatici), 49 a Reggio Emilia (di cui 45 sintomatici), 31 a Modena (di cui 21 sintomatici), 39 a Bologna (di cui 29 sintomatici), 4 casi a Imola (tutti sintomatici), 5 a Ferrara (di cui 3 sintomatici), 11 a Ravenna (di cui 10 sintomatici), 5 a Forlì (tutti sintomatici), 11 a Cesena (di cui 8 sintomatici) e 63 a Rimini (di cui 44 sintomatici).

Covid Italia, dati e tabella delle regioni

In Italia, il numeri dei nuovi contagi resta praticamente stabile: oggi sono infatti 3.127 i casi rilevati (ieri 3.121) ma con un numero di tamponi di gran lunga inferiore, 165.269 (rispetto ai 244.797 processati ieri), tanto che l'indice di positività registra una impennata, 1,9% oggi rispetto all'1,3% di sabato. Il numero di decessi (13 ieri) nelle ultime 24 ore è di 3, il più basso da quest'anno (erano stati 4 il 30 agosto del 2020) e il totale è ora di 127.867 dall'inizio dell'epidemia in Italia. Sono invece 156, sei meno di ieri, le persone ricoverate in terapia intensiva.

image

Ausl Bologna: "Atteso un picco con le vacanze di agosto"

Il direttore del Dipartimento di Sanità pubblica dell’Ausl, Paolo Pandolfi fa il punto della situazione: "Contagiati in aumento, ma per ora nessun focolaio arriva da festeggiamenti per gli Europei". E sulla campagna vaccinale: "Gli attuali casi attivi sono tutti di persone senza neppure la prima dose di siero". "Nei focolai familiari e soprattutto amicali - spiega -. Tanti sono di ritorno dalle vacanze: il 25-30% dei nuovi casi arriva dall’estero o da altre regioni turistiche. Insomma, il virus sta circolando, ma credo che il vero incremento ci sarà ad agosto, quando il periodo turistico, per i bolognesi, entrerà nel vivo. Ci attendiamo un picco importante".

Giovani contagiati al ritorno dalla vacanza in Grecia

Guattro ragazzi sono risultati positivi al Covid al ritorno a Ravenna dalla Grecia. "La situazione si modifica molto rapidamente – spiega Raffaella Angelini, direttrice del Dipartimento di Sanità pubblica dell’Ausl –. I paesi più interessati sono quelli dove sentiamo che ci sono persone bloccate: Spagna, Malta, Grecia. I ragazzi vanno e poi piangono perché li mettono in quarantena e non possono tornare. I casi ci sono anche in Italia, e in una fase crescente. I contagiati sono quasi tutti non vaccinati. Questo fatto rincuora fino a un certo punto, perché non c’è motivo per cui la gente non si debba vaccinare. Ora l’impatto sugli ospedali è modesto, ma dipende tutto anche da quanto prenderà piede".

Covid, le altre notizie

Green Pass, come sarà tra obblighi e multe. Speranza: carta verde nei ristoranti

Contatti con un positivo, ma Boris Johnson non vuole l'isolamento. Poi il dietrofront

Covid Grecia, ragazzi contagiati in vacanza