Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
18 dic 2021
18 dic 2021

Coronavirus oggi: i contagi in Emilia Romagna del 18 dicembre 2021

Si aggrava giorno dopo giorno il bollettino della pandemia; 2.451 nuovi positivi (il 6,2%). Sempre Bologna maglia nera con 531 casi. E' da 20 marzo che non si registravano dati così alti. La Regione chiede al Commissario per l'emergenza 120 militari per il tracciamento

18 dic 2021

Bologna, 18 dicembre 2021 - Si aggrava giorno dopo giorno il bollettino della pandemia in Emilia Romagna, così come nel resto d'Italia e del mondo. I nuovi casi sono altissimi ma stabili: 2.451  su oltre 39mila tamponi eseguiti ( Ieri si era registrato un nuovo boom  con 2.507 positivi: ben 500 in più di 24 ore prima) . Ed era dal 20 marzo che non si registravano dati così alti. Purtroppo sono 15 le nuove vittime del covid nelle ultime 24 ore (come ieri). Balza all'occhio il fatto che nessuna provincia oggi sia sotto i cento contagi giornalieri. 

Aggiornamento  Covid, il bollettino Emilia Romagna del 19 dicembre

Positivo al Covid: cosa fare e quarantena

Si torna così a parlare di zona gialla:  visti i dati in galoppante ascesa, dovrebbe probabilmente   finire in giallo appena dopo Natale: da lunedì 27   probabilmente, come Lombardia e Lazio.  

La Regione chiede al Commissario per l'emergenza la disponibilità di 120 militari per il tracciamento e da destinare anche alle vaccinazioni.   In arrivo personale militare a breve. Il 97,2% dei casi attivi è in isolamento a casa, senza sintomi o con sintomi lievi. L’età media dei nuovi positivi è di 39,1 anni.

FOCUS / Tutte le regole della zona gialla  -  Emilia Romagna zona gialla: quando scatta. Veneto e Marche, rischio arancione

Covid: la mappa del contagio in Emilia Romagna

Focus  Bollettino Veneto - Bollettino Marche

Covid Emilia Romagna: bollettino 18 dicembre 2021

Dall’inizio dell’epidemia da   Coronavirus , in   Emilia-Romagna   si   sono registrati 487.168 casi di positività 2.451 in più rispetto a ieri ,   su   un totale di 39.218 tamponi   eseguiti nelle ultime 24 ore. La percentuale dei nuovi positivi sul numero di tamponi fatti da ieri è del   6,2% . La situazione dei contagi nelle province vede  sempre  Bologna  in testa  con 531 nuovi casi; seguono   Reggio Emilia   (388),   Modena   (305) e   Rimini   (217). Quindi   Ravenna   (213),   Parma   (200) ,   Ferrara   (150),   Cesena   (144) e   Forlì   (126). Poi   Piacenza   (101) e infine, il   Circondario Imolese   (76).

Sui 1.087   asintomatici , 481 sono stati individuati grazie all’attività di   contact tracing , 20 con lo   screening sierologico , 136 attraverso i   test per le categorie a rischio   introdotti dalla Regione, 12 tramite i   test pre-ricovero . Per 438 casi è   ancora in corso l’indagine epidemiologica. Nelle ultime 24 ore sono stati effettuati   23.851 tamponi molecolari , per un   totale di 6.982.963 . A questi si aggiungono anche   15.367 test antigenici rapidi .

Covid Italia: bollettino del 18 dicembre 2021

Sono 28.064 i casi Covid nelle 24 ore in Italia , contro i 28.632 di ieri. Con 697.740 tamponi, 28mila in più, tanto che il tasso di positività scende leggermente da 4,3% a 4%. I decessi sono 123 (ieri 120), per un totale di 135.544 vittime dall'inizio dell'epidemia. Ancora in crescita i ricoveri: le terapie intensive sono 30 in più (ieri +6) con 95 ingressi del giorno, e salgono a 953, mentre i ricoveri ordinari sono 56 in più (ieri +182), 7.576 in totale. E' quanto emerge dal bollettino quotidiano del ministero della Salute.

Vittime covid in Emilia Romagna

Purtroppo si registrano  altri  15 decessi : due a   Modena   (due uomini di 74 e 75 anni), quattro a   Bologna   (un uomo di 74 anni e tre donne di 72, 85 e 87 anni), quattro a   Ferrara   (due donne di 82 e 87 anni e due uomini di 75 e 85 anni), due in provincia di   Forlì-Cesena   (una donna di 70 anni residente nel cesenate e un uomo di 87 anni residente nel forlivese) e due in provincia di   Rimini   (un uomo di 75 e una donna di 80 anni); infine un decesso, registrato dall’Ausl di Bologna, riguarda un uomo di 79 anni   residente fuori regione . Nessun decesso nelle provincie di Piacenza, Parma, Reggio Emilia e Ravenna. In totale, dall’inizio dell’epidemia, i decessi in regione sono stati 13.991.

Bollettino Covid 18 dicembre 2021 Emilia-Romagna

​Ricoveri covid provincia per provincia

I pazienti ricoverati in   terapia intensiva   sono 107 (+5), 986 (-3) quelli negli altri reparti Covid. Sul territorio, i pazienti ricoverati in terapia intensiva sono così distribuiti: 1 a   Piacenza   (invariato rispetto a ieri), 5 a   Parma   (invariato); 12 a   Reggio Emilia   (+1); 10 a   Modena   (+1); 26 a   Bologna   (+1); 6 a   Imola   (+1); 11 a   Ferrara   (+1); 17 a   Ravenna   (invariato); 1 a   Forlì   (-2); 2 a   Cesena   (invariato); 16 a   Rimini   (+2).

Sintomatici e asintomatici provincia per provincia

Questi i   casi di positività   sul territorio dall’inizio dell’epidemia, che si riferiscono non alla provincia di residenza, ma a quella in cui è stata fatta la diagnosi: 28.752 a   Piacenza   (+101 rispetto a ieri, di cui 52 sintomatici), 35.780 a   Parma   (+200, di cui 75 sintomatici), 56.888 a   Reggio Emilia   (+388, di cui 249 sintomatici), 79.797 a   Modena   (+305, di cui 122 sintomatici), 101.801 a   Bologna   (+531, di cui 296 sintomatici), 16.008 casi a   Imola   (+76, di cui 49 sintomatici),  29.998 a   Ferrara   (+150, di cui 41 sintomatici), 40.924 a   Ravenna   (+213, di cui 148 sintomatici), 22.965 a   Forlì   (+126, di cui 103 sintomatici), 25.766 a   Cesena   (+144, di cui 67 sintomatici) e 48.489 a   Rimini   (+217, di cui 162 sintomatici). Rispetto a quanto comunicato nei giorni scorsi, sono stati eliminati 2 casi: 1 in quanto positivo al test antigenico ma non confermato dal tampone molecolare, 1 in quanto giudicato un caso non Covid-19.

Guariti e in isolamento

Per quanto riguarda le persone complessivamente   guarite , sono   651 in più   rispetto a ieri e raggiungono quota   433.210 . I   casi attivi , cioè i   malati effettivi , oggi sono 39.967 ( +1.785 ). Di questi, le persone in   isolamento a casa , ovvero quelle con sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere o risultano prive di sintomi, sono complessivamente 38.874 (+ 1.783 ), il   97,2% del totale dei casi attivi .

Vaccinazioni: in Emilia Romagna sfiorato il milione di terze dosi

Continua intanto la   campagna vaccinale anti-Covid ; questa settimana sono iniziate le somministrazioni per la fascia   5-11 anni . Alle   ore 14   sono state somministrate complessivamente   7.992.940 dosi ; sul totale sono   3.586.398   le persone che hanno completato il ciclo vaccinale. Le terze dosi sono   999.388 . La Regione ribadisce, comunque, che dai primi di gennaio sarà rafforzata, per quanto necessario, la rete dei sanitari che, nell’ambito delle azioni di contrasto alla pandemia da Covid-19, saranno impegnati a seguire la catena dei possibili contagi. L'assessorato regionale alle Politiche per la salute ha inoltrato una richiesta alla   Struttura commissariale per l'Emergenza   per ottenere la disponibilità di 120 unità di   personale militare in ausilio , per   tracciamento   e   vaccinazioni . Per ora, la disponibilità confermata dalla struttura guidata dal Commissario Figliuolo è per due unità destinate alla ASL   Romagna , tre a   Imola   e tre a   Bologna .

Bologna oltre quota 100mila contagi da inizio pandemia

Il territorio di Bologna ieri ha sfondato la quota simbolica dei 100mila contagi confermati di Covid da inizio pandemia, con quasi 3.200 decessi registrati sinora, di cui quattro solo ieri: due uomini di 84 e 94 anni e due donne di 81 e 96 anni.  Ieri sono stati registrati 526 contagi sotto le due Torri.  Un numero tanto alto, che per ritrovare un dato analogo occorre andare indietro alla terza ondata e alla fine di marzo , quando su Bologna gravava il peso della zona rossa.

Terza dose, quale vaccino?

Variante Omicron: due casi in Emilia Romagna

Sono due i casi di variante Omicron rilevati in Emilia Romagna, in tutto 13 le regioni colpite in Italia, 84 in tutta Italia . Le sequenze sono state analizzate e depositate nella piattaforma ICoGen, che riceve le segnalazioni della rete di oltre 70 laboratori regionali coordinata dall'Istituto superiore di sanità (Iss). Lo rende noto l'Istituto. Il dato, rileva, è "in forte crescita rispetto alle 55 presenti ieri mattina". La maggior parte delle segnalazioni (aggiornate alle ore 9 del 18/12) è arrivata da Lombardia (33) e Campania (20), mentre in generale la variante è segnalata in 13 regioni (Lazio 8, Puglia 7, Veneto 5, Piemonte e Emilia Romagna 2 , Abruzzo, Calabria, Liguria, Sardegna, Sicilia, Toscana 1) e 1 PA (Bolzano,1).

Vaccino ai bambini in Emilia Romagna, domande e risposte dei pediatri

L'appello dei sindaci: "Green pass anche a scuola per evitare la Dad"

"Chiediamo al Governo di introdurre subito il Green Pass anche nelle scuole per salvare la didattica in presenza. C'è il rischio concreto, visto l'aumento dei contagi, che da gennaio tutte le scuole italiane vadano in Dad. Non possiamo permetterlo. E' nostro dovere tutelare sia il diritto al lavoro che il diritto all'istruzione". E' il testo dell'appello promosso dal Presidente nazionale di Ali- Autonomie Locali Italiane Matteo Ricci e firmato, tra gli altri, da Roberto Gualtieri, Sindaco di Roma, Beppe Sala, Sindaco di Milano, Matteo Lepore, Sindaco di Bologna , Gaetano Manfredi, Sindaco di Napoli, Giorgio Gori, Sindaco di Bergamo e Dario Nardella, Sindaco di Firenze. "Con il Green Pass nelle scuole - sottolinea l'appello - prevedendo come per le altre categorie vaccino o tampone, preserveremmo la scuola in presenza e con essa un diritto costituzionale, quello dello studio e dell'istruzione. Se non agiamo subito introducendo il Green Pass rischiamo di ritrovarci con le scuole chiuse a breve, con la didattica a distanza indistintamente per tutti i ragazzi, vaccinati e non vaccinati, e con le gravi conseguenze - sanitarie, sociali, lavorative, economiche e psicologiche - che abbiamo già conosciuto in passato. I sindaci credono fortemente che questa sia l'unica strada da percorrere per il futuro della scuola e dei nostri ragazzi".

Grafico con i criteri del cambio di colore

Zona arancione a capodanno?

Se l'aumento esponenziale dei contagi dovesse continuare ecco profilarsi l'incubo della zona arancione. Almeno per tutte quelle regioni che sono già finite in giallo.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?