Bologna, 16 maggio 2021 - Il bollettino di oggi conferma che l'epidemia da Coronavirus continua a rallentare in Emilia-Romagna.

Aggiornamento I dati del 17 maggio

I nuovi positivi sono 452 in più rispetto a ieri, quando erano stati 530, su un totale di 14.163 tamponi eseguiti nelle ultime 24 ore. La percentuale dei nuovi positivi sul numero di tamponi fatti da ieri è del 3,1%

Calano ancora le vittime: oggi i morti emiliano romagnoli sono 7, tra questi anche una donna di 51 anni di Piacenza.

Anche oggi diminuisce la pressione sugli ospedali dell'Emilia-Romagna: ipazienti ricoverati in terapia intensiva sono 157 (-3 rispetto a ieri), 1.042 quelli negli altri reparti Covid (-15).

La mappa del contagio di oggi, domenica 16 maggio, vede prima l'area metropolitana di Bologna con 92 nuovi casi a cui si aggiungono i 6 del Circondario Imolese, poi Modena (88),  Parma (69) e Reggio Emilia (50), quindi Rimini (46), Ravenna (23) e Ferrara (21). Seguono l'area di Forlì (19), quella di Cesena (19) e la provincia di Piacenza (19).

Dall'inizio della pandemia, in regione si sono registrati 379.577 casi di positività al Coronavirus, mentre le vittime raggiungono quota  13.088.

Gli emiliano romagnoli guariti sono 1.730 in più rispetto a ieri e sono complessivamente 343.060.

I casi attivi, cioè i malati effettivi, a oggi sono 23.429 (-1.285 rispetto a ieri).  Il 94,8% dei casi attivi è in isolamento a casa, senza sintomi o con sintomi lievi. 

Covid e monitoraggio: l'analisi dei dati dell'Emilia Romagna

Covid: bollettino Coronavirus in Emilia Romagna. Dati del 16 maggio 2021

Coronavirus in Italia: dati e tabella delle regioni

Oggi in Italia sono 5.753 i positivi al test del coronavirus, rilevati nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute. Ieri erano stati 6.659. Sono invece 93 le vittime in un giorno, in calo rispetto ai 136 di ieri.

Le 93 vittime per Covid rappresentano il dato più basso da sette mesi: lo scorso 20 ottobre furono infatti 89 mentre il giorno dopo se ne registrarono 127. Inoltre, si chiude una settimana sempre sotto i diecimila casi al giorno: non succedeva dallo scorso autunno.

Sono 202.573 i tamponi molecolari e antigenici per il coronavirus effettuati nelle ultime 24 ore in Italia (ieri 294.686), il tasso di positività è del 2,8%, stabile rispetto al 2,2% di ieri.

Gli attualmente positivi sono 328.882 (-3.948 rispetto a ieri) con 314.959 pazienti in isolamento domiciliare, 12.134 ricoverati con sintomi. Nelle terapie intensive sono ricoverate 1.779 persone (-26 rispetto a ieri): 60 gli ingressi del giorno.

I dimessi/guariti salgono a 3.706.084, con un incremento di 9.603 persone, mentre il totale dei casi registrati in Italia dall'inizio della pandemia ammonta a 4.159.122.

"Con dati in miglioramento possiamo allentare e poi superare il coprifuoco. Questo è possibile proprio grazie alle misure adottate in questi mesi e ai comportamenti corretti della stragrande maggioranza delle persone e, naturalmente, grazie alla campagna di vaccinazione che è la leva fondamentale per aprire una nuova stagione nel Paese". Queste le parole del Ministro della Salute, Roberto Speranza, durante la sua visita agli Internazionali d'Italia di Tennis a Roma.

Dati dalle regioni. Coronavirus nelle Marche - Covid in Veneto - Contagi in Toscana

image

Coronavirus in Emilia Romagna: sintomatici e asintomatici

 Dall’inizio dell’epidemia da Sars-CoV-2, in Emilia-Romagna si sono registrati 379.577 casi di positività, 452 in più rispetto a ieri, su un totale di 14.163 tamponi molecolari e antigenici eseguiti nelle ultime 24 ore. La percentuale dei nuovi positivi sul numero di tamponi fatti da ieri è del 3,1%.

Dei nuovi contagiati, 214 sono asintomatici: 170 sono stati individuati grazie all’attività di contact tracing, 19 attraverso i test per le categorie a rischio introdotti dalla Regione, 1 tramite i test pre-ricovero. Per 24 casi è ancora in corso l’indagine epidemiologica.

Tra i nuovi positivi 212 erano già in isolamento al momento dell’esecuzione del tampone, 277 sono stati individuati all’interno di focolai già noti.

L’età media dei nuovi positivi di oggi è 37,3 anni.

Questi i numeri dell'infezione per provincia, dall'inizio della pandemia: 23.347 a Piacenza (+19 rispetto a ieri, di cui 7 sintomatici), 27.512 a Parma (+69, di cui 31 sintomatici), 46.217 a Reggio Emilia (+50, di cui 22 sintomatici), 64.594 a Modena (+88, di cui 49 sintomatici), 81.062 a Bologna (+92, di cui 61 sintomatici), 12.482 casi a Imola (+6, di cui 3 sintomatici), 22.943 a Ferrara (+21, di cui 3 sintomatici), 29.991 a Ravenna (+23, di cui 15 sintomatici), 16.622 a Forlì (+19, di cui 13 sintomatici), 19.143 a Cesena (+19, di cui 13 sintomatici) e 35.664 a Rimini (+46, di cui 19 sintomatici).

Morti Covid in Emilia Romagna del 16 maggio 2021

Il bollettino di oggi registra 7 nuove vittime legati al Covid-19 in Emilia-Romagna: 3 a Bologna (due donne, di 79 e 87 anni e un uomoi di 62 anni), 1 a Parma (una donna di 66 anni); 1 a Modena (un uomo di 90 anni); 1 a Piacenza (una donna di 51 anni); 1 a Rimini (una donna di 85 anni). Nessun decesso nelle province di Reggio Emilia, Ferrara, Ravenna e Forlì-Cesena.

In totale, dall’inizio dell’epidemia i decessi in regione sono stati 13.088.

Covid e terapie intensive in Emilia-Romagna

Continua il calo dei ricoveri in Emilia-Romagna: i pazienti Covid curati in terapia intensiva sono 157 (-3 rispetto a ieri): 7 a Piacenza (invariato rispetto a ieri), 14 a Parma (-2), 20 a Reggio Emilia (-1), 23 a Modena (invariato), 48 a Bologna (+1), 7 a Imola (+1), 13 a Ferrara (invariato), 8 a Ravenna (invariato), 4 a Forlì (-1), 3 a Cesena (-1) e 10 a Rimini (invariato).

Sono invece 1.042 le persone ricoverate negli altri reparti Covid (-15 rispetto alle precedenti 24 ore).

 

Vaccino in Emilia Romagna: chi può prenotare

Da lunedì 17 maggio, in Emilia-Romagna i 40-49enni, cioè i nati dal 1972 al 1981 compresi, potranno registrarsi on line per la somministrazione del vaccino anti Covid collegandosi al sito internet della Regione http://salute.regione.emilia-romagna.it/candidature-vaccinazione.

La procedura è semplice: occorre selezionare la classe d’età interessata e compilare un modulo con i propri dati anagrafici. Tutti coloro che si registreranno verranno successivamente contattati con l’indicazione della data della somministrazione non appena saranno note le forniture vaccinali del mese di giugno. Nel frattempo, infatti, come da indicazioni ministeriali, le vaccinazioni devono procedere per le classi di età superiore e la popolazione fragile.

Vaccino: dopo quanto la prima dose protegge dai sintomi gravi

 Lo stesso sito per la candidatura alla vaccinazione dei quaratenni è disponibile per la classe d’età 50-54 (i nati dal 1967 al 1971 compresi), per la quale naturalmente le candidature rimangono aperte.

Alle 14 sono state somministrate complessivamente 2.153.620 dosi; sul totale, 714.109 sono seconde dosi, e cioè le persone che hanno completato il ciclo vaccinale.

Il conteggio progressivo delle somministrazioni effettuate si può seguire in tempo reale cliccando qui.

E' sempre possibile prenotare la vaccinazione per le altre fasce d’età aventi diritto, per cui è stata progressivamente aperta la prenotazione (il personale della sanità e delle Cra, compresi i degenti delle residenze per anziani, in maggioranza già immunizzati, gli ultraottantenni in assistenza domiciliare e i loro coniugi, se di 80 o più anni, e le persone dai 55 anni in su).

Le dosi per soddisfare tutta la platea delle nuove fasce con l'accesso agli appuntamenti – si parla di circa un milione di persone in Emilia Romagna, 700mila quarantenni e 300mila cinquantenni – al momento non ci sono. Quelle attualmente stoccate, in regione, sono più o meno 190mila, lo stretto indispensabile per garantire le immunizzazioni alle fasce attualmente già prenotate (tra prime dosi e richiami), ovvero categorie a rischio ed età comprese dai 55 anni in su. 

Colori delle regioni da lunedì 17 maggio 2021

La ripartizione delle Regioni e Province Autonome nelle diverse aree in base ai livelli di rischio a partire dal 17 maggio è la seguente: zona gialla per Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Molise, Piemonte, Provincia autonoma di Bolzano, Provincia autonoma di Trento, Puglia, Sardegna, Sicilia, Toscana, Umbria e Veneto; zona arancione Valle d'Aosta.

Come cambiano i parametri per i colori delle regioni