Quotidiano Nazionale logo
14 lug 2021

Covid oggi 14 luglio 2021 Emilia Romagna, bollettino Coronavirus: 117 casi

Quasi 17.000 tamponi effettuati (0,7% di positività). Nessun decesso. Aumentano i guariti (+50). Oltre 1 milione e 800 mila persone completamente immunizzate 

featured image
Coronavirus: bollettino 14 luglio 2021

Bologna 14 luglio 2021 - Preoccupa l'andamento in crescita della pandemia da Covid-19 in Emilia Romagna, come preccupa la diffusione della variante Delta, che in Romagna sarebbe già il 65% dei casi positivi da Coronavirus. Sono 117 i nuovi contagi in regione, come spiega il bollettino di oggi, 14 luglio. In Italia i nuovi casi sono 2.153, mai così tanti dal 6 giugno. Le vittime sono 23.

Aggiornamento Covid in Emilia Romagna: i dati del bollettino di oggi 15 luglio

Di questi, 31 sono asintomatici individuati nell’ambito delle attività di contact tracing e screening regionali. Complessivamente, tra i nuovi positivi 34 erano già in isolamento al momento dell’esecuzione del tampone, 61 sono stati individuati all’interno di focolai già noti. L’età media dei nuovi positivi di oggi è 32,1 anni.

Approfondisci:

Bonaccini oggi: "Coi camper tra i vacanzieri per convincere tutti a vaccinarsi"

Sui 31 asintomatici, 19 sono stati individuati grazie all’attività di contact tracing, 7 attraverso i test per le categorie a rischio introdotti dalla Regione, 1 tramite test pre-ricovero, 1 con gli screening sierologici. Per 3 casi è ancora in corso l’indagine epidemiologica.

Intanto, però, nella giornata di ieri, martedì 13 luglio, il presidente della Regione Bonaccini ha dato il suo ok all'apertura delle discoteche, a patto però che vi accedano solo i possessori di Green pass. Sul quale il Governo valuterà nei prossimi giorni la possibilità di utilizzare lo stesso modello della Francia, dove il certificato verde è obbligatorio per accedere anche a risotoranti, bar, concerti, trasporti e in generale a eventi con molte persone.

Coronavirus Emilia Romagna, i dati di mercoledì 14 luglio 2021

Dall’inizio dell’epidemia da Coronavirus, in Emilia-Romagna si sono registrati 387.906 casi di positività, 117 in più rispetto a ieri, su un totale di 16.922 tamponi eseguiti nelle ultime 24 ore. La percentuale dei nuovi positivi sul numero di tamponi fatti da ieri è dello 0,7%. 

La situazione dei contagi nelle province vede Bologna e Rimini entrambe con 22 nuovi casi, seguite da Reggio Emilia (18), Piacenza (17) e Modena (15); quindi Parma (10), Ravenna (5) e Circondario Imolese (4); poi Cesena (2) e infine Ferrara e Forlì (entrambe 1 nuovo caso).

Nelle ultime 24 ore sono stati effettuati 9.068 tamponi molecolari, per un totale di 5.092.866. A questi si aggiungono anche 7.854 tamponi rapidi.

Coronavirus Italia, i dati di mercoledì 14 luglio 2021

Ancora in netto aumento la curva epidemica in Italia. I nuovi casi sono 2.153, mai così tanti dal 6 giugno, contro i 1.534 di ieri e soprattutto i 1.010 di mercoledì scorso: in una settimana i casi sono più che raddoppiati. Con 210.599 tamponi, 18mila più di ieri, ma il tasso di positività è comunque in crescita dall0 0,8% all'1%. I decessi sono 23 (ieri 20), per un totale di 127.831 vittime dall'inizio dell'epidemia.
Ancora in discesa i ricoveri, che non risentono della crescita dei contagi: le terapie intensive sono 6 in meno (ieri -1) con 7 ingressi del giorno, e scendono a 151, mentre i ricoveri ordinari sono 20 in meno (ieri -21), 1.108 in tutto. E' quanto emerge dal bollettino quotidiano del ministero della Salute.

Zero decessi e ricoveri stabili

Non si registrano nuovi decessi. In totale, dall’inizio dell’epidemia i decessi in regione restano quindi 13.268. I pazienti ricoverati in terapia intensiva sono 14 (uno in più rispetto a ieri), 144 quelli negli altri reparti Covid (invariato).

Sul territorio, i pazienti ricoverati in terapia intensiva sono così distribuiti: 2 a Piacenza (+1 rispetto a ieri), 1 a Parma (invariato), 4 a Modena (invariato), 5 a Bologna (invariato), 1 a Ferrara (invariato), 1 a Rimini (invariato). Nessun ricovero in terapia intensiva a Reggio Emilia, Imola, RavennaForlì e Cesena.

​Sintomatici e asintomatici provincia per provincia

Questi i casi di positività sul territorio dall’inizio dell’epidemia, che si riferiscono non alla provincia di residenza, ma a quella in cui è stata fatta la diagnosi: 23.758 a Piacenza (+17 rispetto a ieri, di cui 12 sintomatici), 28.803 a Parma (+10, di cui 2 sintomatici), 47.084 a Reggio Emilia (+18, di cui 15 sintomatici), 65.908 a Modena (+15, di cui 12 sintomatici), 82.552 a Bologna (+22, di cui 17 sintomatici), 12.681 casi a Imola (+4, di cui 1 sintomatico), 23.219 a Ferrara (+1, asintomatico), 30.613 a Ravenna (+5, di cui 4 sintomatici), 17.135 a Forlì (+1, sintomatico), 19.762 a Cesena (+2, sintomatici) e 36.391 a Rimini (+22, di cui 20 sintomatici).

Coronavirus Emilia Romagna, la zona gialla è ancora lontana

Nel corso delle ultime settimane, in Emilia-Romagna continua a tenere banco il problema della diffusione della variante Delta del Covid-19. Ciò ha posto dubbi sulla permanenza della regione in zona bianca, anche in virtù dei festeggiamenti nella notte tra domenica e lunedì dopo la vittoria dell’Italia agli Europei. Lo scenario di un ritorno dell'Emilia-Romagna in zona gialla sembra però remoto. Almeno secondo i dati attuali sull'andamento della pandemia da Covid-19. Infatti, per quanto riguarda il numero di casi positivi ogni 100mila abitanti, infatti, l’’asticella’ che porta al cambio di colore è fissata a 50: per ora, però, su base settimanale in viale Aldo Moro si calcolano circa dieci casi ogni centomila.

Secondo l’ultimo monitoraggio ministero della Salute – Iss, datato 9 luglio, l’incidenza a sette giorni nel periodo 2-8 luglio era di 9,5 casi ogni 100mila abitanti. Va detto che negli ultimi giorni l’aumento di casi è stato netto. Secondo il report settimanale della Regione Emilia-Romagna pubblicato il 13 luglio, nei cinque giorni dal 6 al 10 luglio si sono registrati 398 casi: per trovare un dato più alto bisogna risalire al periodo 11-15 giugno.

Inoltre, un altro dato confortante è quello che arriva dagli ospedali. Al 13 luglio, i posti letto occupati in terapia intensiva sono 13: meno del 2% di quelli su cui può contare tutta la Regione. La soglia critica è al 30%. Per quanto riguarda invece i posti letto negli altri reparti Covid, siamo a quota 144. Anche in questo caso, poco più del 2% dei posti letto di tutta la regione. Il limite da tenere a mente è quello del 40%.

La campagna vaccinale in Emilia Romagna

Continua intanto la campagna vaccinale anti-Covid, estesa a tutti i cittadini sopra i 12 anni di età. Il conteggio progressivo delle somministrazioni di vaccino effettuate si può seguire in tempo reale sul portale della Regione Emilia-Romagna dedicato all’argomento: https://salute.regione.emilia-romagna.it/vaccino-anti-covid, che indica anche quanti sono i cicli vaccinali completati.​ Alle ore 15 sono state somministrate complessivamente 4.347.299 dosi; sul totale, 1.809.520 sono le persone che hanno completato il ciclo vaccinale.

Vaccini Covid Bologna, anticipazione seconda dose Astrazeneca

Nel frattempo, sul fronte della campagna vaccinale, a Bologna sarà possibile da domani, giovedì 15 luglio, anticipare il richiamo di Astrazeneca anche per chi ha l'appuntamento in agosto. Lo ha annunciato l'Ausl, che ha pronti in partenza 6.000 sms per informare le persone (con più di 60 anni) interessate. In questo modo, sottolinea l'azienda, si completa la platea delle persone che possono anticipare la seconda dose di AstraZeneca. Ad oggi hanno già anticipato il richiamo di Astrazeneca 6.966 persone over60.

Chi vuole dovrà rivolgersi agli sportelli Cup e in farmacia per riprogrammare l'appuntamento fino a un massimo di 14 giorni prima. I posti per l'anticipo del richiamo saranno disponibili al Rizzoli, all'hub di UniSalute a San Lazzaro, in Fiera e all'Unipol Arena di Casalecchio. Rimane comunque aperta la possibilità di anticipo anche per chi ha l'appuntamento per la seconda dose fissato nel mese di luglio. La strategia dell'Ausl, in accordo con la Regione e su indicazione della struttura commissariale nazionale, serve ad accelerare l'immunizzazione delle persone con più di 60 anni a fronte della diffusione della variante Delta.

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?