Bologna, 6 dicembre 2021 - Calano i contagi da Coronavirus in Emilia Romagna (come sempre accade di lunedì, poiché alla domenica si effettuano meno tamponi), ma c'è un boom di ricoveri (+53) nei reparti di area non critica. Nel boltettino Covid si registrano purtroppo altri nove decessi. I nuovi positivi sono 1.396 (su 21.364 tamponi effettuati) in confronto ai 1.707 di ieri, ma sale la percentuale dei casi: dal 5,7% al 6,5%. 

L'aggiornamento Contagi Covid, il bollettino dell'Emilia Romagna oggi 7 dicembre 2021

L'aumento dei ricoveri, in Emilia-Romagna, è in questo momento il principale elemento di preoccupazione per quanto riguarda l'andamento della pandemia: l'occupazione della terapia intensiva e degli altri reparti Covid è ormai vicina al 10%. Dati, tuttavia, che non sembrano rendere imminente il pericolo di un ingresso della Regione in zona gialla.

Ma oggi, in tema di pandemia, i fari sono puntati soprattutto sull'entrata in vigore del Super Green pass (qui cosa cambia in zona bianca) con tutta una nuova serie di regole (ad esempio nei bar) e le faq del Governo. Sotto la lente anche, ovviamente, la questione dell'obbligo del certificato verde sui mezzi pubblici, che hanno già evidenziato criticità (qui i controlli a campione a Bologna). Problema che non preoccupa il sindaco di Venezia Brugnaro: nessun disagio sui vaporetti.

FOCUS BOLLETTINI: Veneto, Marche, Italia

Covid oggi Emilia Romagna: bollettino 6 dicembre 2021

variante Omicron: dieci casi in Italia. Tutto quello che c'è da sapere

Covid 6 dicembre 2021: bollettino Italia

Sono 9.503 i casi Covid in Italia nelle ultime 24 ore, contro i 15.021 di ieri. Un dato condizionato come ogni lunedi' dal calo dei tamponi: 301.560 oggi, 224mila in meno. Tanto che il tasso di positività sale ancora, dal 2,9% al 3,1%. I decessi sono 92 (ieri 43), per un totale di 134.287 vittime dall'inizio dell'epidemia. Ancora in aumento i ricoveri: le terapie intensive sono 7 in piu' (ieri +4) con 45 ingressi del giorno, e salgono a 743, mentre i ricoveri ordinari crescono sensibilmente, +282 (ieri +169), 5.879 in tutto. E' quanto emerge dal bollettino quotidiano del ministero della Salute.

Bollettino Covid 6 dicembre in Emilia Romagna

Dall’inizio dell’epidemia da Coronavirus, in Emilia-Romagna si sono registrati 464.838 casi di positività, 1.396 in più rispetto a ieri, su un totale di 21.364 tamponi eseguiti nelle ultime 24 ore. La percentuale dei nuovi positivi sul numero di tamponi fatti da ieri è del 6.5%, un valore non indicativo dell’andamento generale visto il numero di tamponi effettuati, che la domenica è inferiore rispetto agli altri giorni. Inoltre, nei festivi soprattutto quelli molecolari vengono fatti prioritariamente su casi per i quali spesso è atteso il risultato positivo.

L’età media dei nuovi positivi di oggi è 39 anni. Sui 591 asintomatici, 307 sono stati individuati grazie all’attività di contact tracing, 36 con lo screening sierologico, 41 attraverso i test per le categorie a rischio introdotti dalla Regione, 3 tramite i test pre-ricovero. Per 204 casi è ancora in corso l’indagine epidemiologica.

La situazione dei contagi nelle province vede Modena con 259 nuovi casi, seguita da Bologna (223) e Rimini (215); poi Ravenna (174), Cesena (113) e Reggio Emilia (97); quindi Ferrara (88), Forlì (77), il Circondario Imolese (63); infine Parma (56) e Piacenza con 31 casi. 

La mappa del contagio

Questi i casi di positività sul territorio dall’inizio dell’epidemia, che si riferiscono non alla provincia di residenza, ma a quella in cui è stata fatta la diagnosi: 27.864 a Piacenza (+31 rispetto a ieri, di cui 18 sintomatici), 34.498 a Parma (+56, di cui 35 sintomatici), 53.955 a Reggio Emilia (+97, di cui 75 sintomatici), 76.834 a Modena (+259, di cui 133 sintomatici), 97.182 a Bologna (+223, di cui 132 sintomatici), 15.307 casi a Imola (+63, di cui 46 sintomatici), 28.341 a Ferrara (+88, di cui 23 sintomatici), 38.694 a Ravenna (+174, di cui 96 sintomatici), 21.815 a Forlì (+77, di cui 63 sintomatici), 24.423 a Cesena (+113, di cui  58 sintomatici) e 45.943  a Rimini (+215, di cui 126 sintomatici).

Morti per Covid

Purtroppo, si registrano nove decessi: uno in provincia di Parma (un uomo di 84 anni), uno in provincia di Modena (un uomo di 88 anni); tre in provincia di Bologna (due uomini, rispettivamente di 72 e 79 anni, e una donna di 97 anni); due nella provincia di Ferrara (un uomo di 72 anni e una donna di 95 anni); uno nella provincia di Forlì-Cesena (un uomo di 84 anni nel forlivese) e uno nella provincia di Rimini (un uomo di 87 anni).  Nessun decesso nelle province di Piacenza, Reggio Emilia e Ravenna. In totale, dall’inizio dell’epidemia, i decessi in regione sono stati 13.841.

Ricoveri per Covid

Cala il numero dei pazienti ricoverati in terapia intensiva (75, -4 rispetto a ieri); 781 quelli negli altri reparti Covid (+53). Sul territorio, i pazienti ricoverati in terapia intensiva sono così distribuiti: 2 a Piacenza (-1); 3 a Parma (numero invariato rispetto a ieri); 3 a Reggio Emilia (invariato); 6 a Modena (-2); 21 a Bologna (invariato); 4 a Imola (-1); 9 a Ferrara (invariato); 17 a Ravenna (invariato); 4 a Forlì (invariato); 1 a Cesena (invariato); 5 a Rimini (invariato).

Guariti e casi attivi

Per quanto riguarda le persone complessivamente guarite, sono 618 in più rispetto a ieri e raggiungono quota 424.898. I casi attivi, cioè i malati effettivi, oggi sono 26.099 (+769). Di questi, le persone in isolamento a casa, ovvero quelle con sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere o risultano prive di sintomi, sono complessivamente 25.243 (+720), il 96,7% del totale dei casi attivi.

Agenas: crescono i posti letto Covid 

Il monitoraggio quotidiano dell'Agenzia Nazionale per i servizi sanitari regionali, che confronta i dati del 6 dicembre, con quelli del giorno precedente, non è tranquillizzante: sale al 10%, a livello nazionale, la percentuale dei posti letto occupati da pazienti Covid nei reparti ospedalieri di area medica.

In particolare la percentuale dei posti in area medica cresce in 7 regioni e Province autonome: Emilia Romagna (al 9%), Abruzzo (al 9%), Calabria (al 15%), Friuli Venezia Giulia (al 23%), Pa di Trento (al 11%), Piemonte (all'8%), Sardegna (al 5%). Calano solo in Valle d'Aosta (al 21%).

DIscoteche chiuse a Bologna e Rimini

Più gente di quella prevista dalle norme sulla capienza, scarso rispetto del distanziamento, gran parte degli avventori senza mascherina. Sono le violazioni che hanno portato alla chiusura per 5 giorni di due locali notturni di Bologna, il Soda Pops, poco lontano dalle Due Torri, e la discoteca Matis in zona Casteldebole. Il provvedimento è stato disposto dalla questura dopo i controlli svolti sabato notte nei due club, dove non sarebbero state rispettate le regole anticovid. 

Stesso scenario anche in provincia di Rimini. Peter Pan e Living, due noti locali notturni di Misano Adriatico, sono stati sanzionati dai carabinieri della Compagnia di Riccione e chiusi per cinque giorni per inottemperanza delle norme anti Covid.