Bologna, 30 novembre 2021 - Diminuiscono i contagi da Coronavirus in Emilia Romagna nelle ultime 24 ore. Il bollettino Covid parla di 1.086 nuovi positivi a fronte dei 1.223 casi di ieri. I tamponi analizzati sono 38.023 e cala quindi di molto anche la percentuale dei contagi: dal 6% al 2,8%. Crescono però di molto i ricoveri (+34), mentre ci sono ancora 10 decessi. Le percentuali di occupazione dei reparti ospedalieri confermano l’Emilia-Romagna in zona bianca, ma con questa rapida crescita, si potrebbe avvicinare lo spettro dello zona gialla

L'aggiornamento Covid oggi: i contagi dell'1 dicembre 2021 in Emilia Romagna

Dati Covid Italia, oggi nuovi incrementi. Contagi, morti e ricoveri: il bollettino - Bollettino Coronavirus Marche: l'incidenza vola oltre 187

Covid: bollettino oggi Emilia Romagna 30 novembre 2021

Contagi nelle scuole in costante aumento - No vax, cosa rischiano? I dati di mortalità e terapie intensive in Emilia Romagna

Bollettino Covid 30 novembre in Emilia Romagna

Dall’inizio dell’epidemia da Coronavirus, in Emilia-Romagna si sono registrati 455.930 casi di positività, 1.086 in più rispetto a ieri, su un totale di 38.023 tamponi eseguiti nelle ultime 24 ore. La percentuale dei nuovi positivi sul numero di tamponi fatti da ieri è del 2,8%. Sui 516 asintomatici, 245 sono stati individuati grazie all’attività di contact tracing, 4 con lo screening sierologico, 27 attraverso i test per le categorie a rischio introdotti dalla Regione, 5 tramite i test pre-ricovero. Per 235 casi è ancora in corso l’indagine epidemiologica.

La situazione dei contagi nelle province vede Bologna con 323 nuovi casi, seguita da Modena (158) e Rimini (152); poi Ravenna (115), Cesena (72) e Piacenza (65); quindi Forlì (62), Ferrara (57), il Circondario Imolese (37); infine Reggio Emilia (35) e Parma con 10 casi.  

La mappa del contagio

Questi i casi di positività sul territorio dall’inizio dell’epidemia, che si riferiscono non alla provincia di residenza, ma a quella in cui è stata fatta la diagnosi: 27.563 a Piacenza (+65 rispetto a ieri, di cui 43 sintomatici), 34.113 a Parma (+10, tutti asintomatici), 53.234 a Reggio Emilia (+35, di cui 27 sintomatici), 75.652 a Modena (+158, di cui 61 sintomatici), 95.380 a Bologna (+323, di cui 171 sintomatici), 14.993 casi a Imola (+37, di cui 23 sintomatici), 27.613 a Ferrara (+57, di cui 9 sintomatici), 37.598 a Ravenna (+115, di cui 63 sintomatici), 21.190 a Forlì (+62, di cui 51 sintomatici), 23.825 a Cesena (+72, di cui 23 sintomatici) e 44.769 a Rimini (+152, di cui 99 sintomatici).

Morti per Covid

Purtroppo, si registrano dieci decessi: due in provincia di Piacenza (due uomini, rispettivamente di 86 e 92 anni), uno nella provincia di Reggio Emilia (una donna di 57 anni); tre in provincia di Bologna (una donna di 84 anni e un uomo di 93 anni, nel bolognese, e una donna di 94 nell’imolese); tre nella provincia di Ferrara (tutte donne: di 83, 90 e 93 anni) e uno nella provincia di Forlì-Cesena (un uomo di 79 anni).  Nessun decesso nelle province di Parma, Modena, Ravenna e Rimini. In totale, dall’inizio dell’epidemia, i decessi in regione sono stati 13.791.

Ricoveri e percentuali delle ospedalizzazioni

I pazienti ricoverati in terapia intensiva sono 75 (+6 rispetto a ieri), 685 quelli negli altri reparti Covid (+28). I reparti ospedalieri risultano quindi occupati al 7,8% nelle terapie intensive e all’8,3% nei reparti Covid, al di sotto delle soglie limite fissate a livello nazionale rispettivamente del 10% e del 15%, soglie che solo se superate entrambe (non una sola) determinano il cambio di colore (da zona bianca a zona gialla). L’Emilia-Romagna si conferma quindi nella attuale zona bianca. Ma i numeri in crescita destano preoccupazione per le prossime settimane. 

Sul territorio, i pazienti ricoverati in terapia intensiva sono così distribuiti: 4 a Piacenza (numero invariato rispetto a ieri); 5 a Parma (+1); 4 a Reggio Emilia (invariato); 5 a Modena (invariato); 22 a Bologna (+3); 6 a Imola (+2); 10 a Ferrara (invariato); 12 a Ravenna (+1); 3 a Forlì (invariato); 1 a Cesena (-1); 3 a Rimini (invariato).

Guariti e casi attivi

Per quanto riguarda le persone complessivamente guarite, sono 545 in più rispetto a ieri e raggiungono quota 421.327. I casi attivi, cioè i malati effettivi, oggi sono 20.812(+531). Di questi, le persone in isolamento a casa, ovvero quelle con sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere o risultano prive di sintomi, sono complessivamente 20.052 (+497), il 96,3% del totale dei casi attivi.

Vaccini: Ema, 3-4 mesi per eventuali adattamenti alla variante Omicron

Fa paura la nuova variante Omicron. Mentre i ricercatori si chiedono se la Omicron sia in grado di eludere o meno i vaccini, l'Ema (Agenzia europea per i medicinali) comunica che per un adattamento al vaccino occorrerebbero almeno 3 o 4 mesi. "Pensiamo che se si dovrà modificare i vaccini ci sarà la necessità di approvarli nel giro di tre o quattro mesi da quando cominceranno a essere modificati". Lo ha dichiarato la direttrice esecutiva dell'Ema, Emer Cooke, in audizione alla commissione Salute del Parlamento europeo sulla pandemia di Covid. "Dobbiamo prepararci in caso ci sia la necessità di adattare i vaccini attuali, è un lavoro che faranno le case farmaceutiche. Dovranno adattare la loro formula per coprire la nuova sequenza, mostrare che il sistema di produzione funziona, poi fare degli studi clinici per dimostrare che il tutto funziona nella pratica", ha spiegato. 

Nel mentre, continuano spedite le profilassi con i vaccini attuali in Emilia Romagna, estesa a tutti i cittadini sopra i 12 anni. Alle ore 15 di ieri erano state somministrate complessivamente 7.388.968 dosi (dall'inizio della campagna); sul totale sono 3.554.607 le persone che hanno completato il ciclo vaccinale. Le terze dosi somministrate sono 508.139. Da mercoledì 1 dicembre le prenotazioni per le terze dosi saranno aperte a tutti i cittadini maggiorenni in regione. 

Covid in Italia 30 novembre: i nuovi dati

Continua a salire la curva epidemica in Italia. Secondo il bollettino quotidiano del ministero della Salute, nelle ultime 24 ore sono stati registrati 12.764 nuovi casi di Covid a fronte dei 7.975 di ieri (lunedì, dato condizionato dall''effetto weekend). Una settimana fa i nuovi casi erano stati 10.047. Sempre nelle ultime 24 ore, i tamponi sono stati 719.972, due volte e mezza più di ieri (276.000), per cui il tasso di positività scende all'1,8% rispetto al 2,9% di ieri. I morti di oggi sono 89 (ieri 65), per un totale da inizio pandemia di 133.828. In aumento (di 14 unità) anche i pazienti ricoverati in terapia intensiva, il cui numero sale a 683 (con 64 ingressi del giorno a fronte dei 58 di ieri), e i ricoveri con sintomi, arrivati a 5.227 (+92).

Attualmente è il Friuli Venezia Giulia l'unica regione in zona gialla, causa gli alti parametri di contagio e la scarso numero di vaccinati. È quindi la regione che sta sperimentando per prima l'uso del super green pass

Altre notizie sul Covid

Covid: il Veneto rischia la zona gialla

Covid a scuola, nuove regole: quando scatta la Dad

Green pass super e base: le nuove regole dello sport