Bologna, 10 settembre 2021 - Aumentano i contagi da Coronavirus in Emilia-Romagna: nelle ultime 24 ore, si sono registrati 617 nuovi positivi, a fronte dei 449 annunciati nel bollettino di ieri su un totale di 29.777 tamponi eseguiti, con un tasso di positività al 2,1%. Salgono, putroppo, anche i decessi: oggi sono cinque (tre in più di ieri). Nonostante l'aumento dei contagi, l'Emilia Romagna ha ancora i numeri da zona bianca e non rientra più tra le regioni a rischio moderato. In discesa anche l'indice Rt che è a 0,82 (la scorsa settimana era a 0,9) e l'incidenza scesa a 83 su 100mila. 

Covid dopo la prima dose di vaccino: cosa fare - Giulia Lucenti morta a 16 anni il giorno dopo il vaccino

I dati della regione, per ciò che concerne le terapie intensive (5%) e i ricoveri Covid nei reparti non critici (5%), non sono preoccupanti. Sopra la soglia di allarme c'è solo l'incidenza che è però da qualche tempo abbondantemente sopra i 50 casi ogni 100mila abitanti, anche se in calo (83 questa settimana). L'Rt invece è a 0,82. Questo emerge dalla bozza del monitoraggio settimanale dell'Istituto Superiore di Sanità (Iss), relativo alla settimana 30 agosto-5 settembre, con dati aggiorati all'8 settembre.  

Dati dalle Regioni: Covid in Veneto, il bollettino del 10 settembre - Covid nelle Marche, il bollettino del 10 settembre 2021. Dati e contagi 

Leggi anche: Colori regioni: Emilia Romagna, Marche e Veneto in zona bianca - Zona gialla solo in Sicilia. Salve Sardegna e Calabria. Indice Rt scende a 0.92 - Terza dose: ecco quando inizia l'Emilia Romagna - Bollettino Covid di oggi in Italia

A livello nazionale, intanto, continua a scendere l'indice Rt che si attesta a 0,92 rispetto allo 0,97 della scorsa settimana. In calo anche l'incidenza dei casi ogni 100mila abitanti che, secondo gli indicatori decisionali, che decretano l'eventuale cambio di colore delle regioni, nella settimana 3-8 settembre, indicano il valore a 64 rispetto a 74 della scorsa settimana. Tre Regioni e Province autonome - Friuli Venezia Giulia, Lombardia e Provincia autonoma di Bolzano - risultano classificate a rischio moderato questa settimana contro le 17 della scorsa settimana.

Covid oggi Emilia Romagna: bollettino coronavirus 10 settembre 2021

Covid oggi Emilia Romagna: bollettino 10 settembre 2021

Dall’inizio dell’epidemia da Coronavirus, in Emilia-Romagna si sono registrati 416.844 casi di positività, 617 in più rispetto a ieri, su un totale di 29.777 tamponi eseguiti nelle ultime 24 ore (2,1%). Tra i nuovi positivi, 220 sono asintomatici individuati nell’ambito delle attività di contact tracing e screening regionali. Complessivamente, tra questi, 240 erano già in isolamento al momento dell’esecuzione del tampone, 340 sono stati individuati all’interno di focolai già noti. L’età media dei nuovi positivi di oggi è 36,8 anni.

La situazione dei contagi nelle province vede Bologna con 143 nuovi casi, seguita da Modena (114). Poi Rimini (70), Parma (64), Piacenza (48) e Cesena (44). Quindi Reggio Emilia (38), Ravenna (37), Ferrara (27) e infine, Forlì (22) e il Circondario Imolese (10).

Morti per Covid in Emilia Romagna 

Purtroppo, nelle ultime 24 ore, si registrano cinque decessi: 2 in provincia di Modena (una donna di 96 anni e un uomo di 85), 2 in provincia di Piacenza (entrambi uomini, rispettivamente di 91 e 70 anni) e 1 a Parma (un uomo di 70 anni). In totale, dall’inizio dell’epidemia, i decessi in regione sono stati 13.404.

Terapie intensive e ricoveri in Emilia Romagna 

In calo di due unità, rispetto a ieri, il numero dei ricoverati in terapia intensiva (43) e quello negli altri reparti Covid, che sono attualmente 400 (-2). Sul territorio, i pazienti ricoverati in terapia intensiva sono così distribuiti: 5 a Piacenza (+1 rispetto a ieri), 5 a Parma (+1), 3 a Reggio Emilia (-1), 5 a Modena (invariato), 10 a Bologna (-2), 2 a Imola (invariato), 5 a Ferrara (invariato), 1 a Ravenna (invariato), 1 a Forlì (invariato), 6 a Rimini (-1). Nessun ricovero in terapia intensiva a Cesena.

Casi attivi e guariti dal Covid in Emilia Romagna 

Per quanto riguarda le persone complessivamente guarite, sono 612 in più rispetto a ieri e raggiungono quota 388.419. I casi attivi, cioè i malati effettivi, oggi sono 15.021, come ieri. Di questi, le persone in isolamento a casa, ovvero quelle con sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere o risultano prive di sintomi, sono complessivamente 14.578 (+4), il 97% del totale dei casi attivi.

La mappa del contagio provincia per provincia

Questi i casi di positività sul territorio dall’inizio dell’epidemia, che si riferiscono non alla provincia di residenza, ma a quella in cui è stata fatta la diagnosi: 25.832 a Piacenza (+48 rispetto a ieri, di cui 18 sintomatici), 31.551 a Parma (+64, di cui 31 sintomatici), 50.389 a Reggio Emilia (+38, di cui 27 sintomatici), 70.457 a Modena (+114, di cui 70 sintomatici), 87.518 a Bologna (+143, di cui 115 sintomatici), 13.334 casi a Imola (+10, di cui 5 sintomatici), 25.241 a Ferrara (+27, di cui 16 sintomatici), 32.737 a Ravenna (+37, di cui 30 sintomatici), 18.164 a Forlì (+22, di cui 17 sintomatici), 21.120 a Cesena (+44, di cui 26 sintomatici) e 40.501 a Rimini (+70, di cui 42 sintomatici).

Covid Italia oggi: bollettino 10 settembre 2021

Sono 5.621 i nuovi contagi da Covid-19 (+99) registrati in Italia nelle ultime 24 ore, con 286mila tamponi (-5mila). Lo rileva il bollettino odierno del ministero della Salute, che conta, nella giornata di oggi, anche 62 decessi (+3) e un tasso di positività al 2%. La regione con più casi odierni è ancora la Sicilia, dove sono stati rilevati 973 contagi, segue il Veneto con 618, l' Emilia Romagna con 617 e la Lombardia con 594. I casi totali salgono così a 4.596.558. I guariti sono 6.984 (ieri 7.122), per un totale, dall'inizio della pandemia, di 4.338.241. Il numero delle persone attualmente positive cala per il sesto giorno di fila: 1.429 in meno (ieri -1.663) e sono 128.489 in tutto, dei quali 4.164 ricoverati nei reparti ordinari (-66) e 548 in terapia intensiva (-10). Restano in isolamento domiciliare 123.777 pazienti.

 

Come scaricare il Green pass sul cellulare - Green pass dall'1 settembre: per cosa diventa obbligatorio

image

Green pass a scuola, il ministro Bianchi: "Genitori, non c'è il rischio assembramento"

"L'assembramento non c'è, i genitori hanno sempre portato i figli alle porte della scuola". Così il ministro dell'istruzione Patrizio Bianchi, a margine di un convegno a Reggio Emilia, risponde ai presidi sui rischi del Green pass per i genitori. "La sigla sindacale dei presidi segnala ancora una volta problemi che ci segnalano da aprile. Credo che alla base ci sia un principio fondamentale: i grandi tutelano i piccoli. Questo è quello che stiamo facendo da sempre. Il genitore che deve entrare a scuola per parlare con un insegnante, lo farà nella tutela di tutti. È quello che stiamo facendo e che abbiamo sempre fatto".

Covid, le altre notizie

Green pass a scuola per i genitori, presidi: "Problemi per i controlli". Bianchi: "Non c'è assembramento"

Solo la Sicilia gialla, salve Sardegna e Calabria. Indice Rt cala a 0.92, l'incidenza scende a 64

Terza dose, il piano. Parte la Lombardia con i fragili

Denunciato un 'guerriero' no vax. In casa aveva manganello e katana

Negazionisti entrano in tribunale e aggrediscono la guardia

Green pass: il decreto in pdf. Dovrà averlo chi entra a scuola, obbligo vaccino per lavoratori Rsa

Covid, Fondazione Gimbe: "Meno casi settimanali, è la prima volta da giugno"