np_user_4025247_000000
ALBERTO GRECO
Economia

Nasce Confcooperative Terre d’Emilia. Il presidente Caramaschi: “Grande unione tra tre realtà forti e radicate”

Stamattina a Modena l’atto di nascita della nuova associazione che unisce Modena, Bologna e Reggio Emilia. Alla tavola rotonda anche il cardinale Matteo Zuppi

I vicepresidenti Piccinini e Ravaglia e, al centro, il presidente Caramaschi
I vicepresidenti Piccinini e Ravaglia e, al centro, il presidente Caramaschi

Modena, 20 febbraio 2023 – Una tavola rotonda su “I valori ed il valore dell’esperienza cooperativa” con la presenza del cardinale Matteo Maria Zuppi, dell’assessore regionale allo sviluppo economico Vincenzo Colla, del viceministro alle infrastrutture e trasporti Galeazzo Bignami e del presidente nazionale Confcooperative Maurizio Gardini, coordinata dal vicedirettore de Il Resto del Carlino Valerio Baroncini, ha messo il sugello alla nascita a Modena, al Forum Monzani, a quella che da ieri è diventata la più grande realtà territoriale del movimento cooperativo di ispirazione cattolica. Lo dicono i numeri: 640 imprese associate, 135 mila soci, 47 mila occupati e 7,8 miliardi di euro di fatturato nel 2022.

Approfondisci:

Matrimonio tra le coop ’bianche’ Nasce un colosso da 640 imprese

Matrimonio tra le coop ’bianche’ Nasce un colosso da 640 imprese

“State facendo anche voi un pezzo di cammino sinodale, – ha voluto sottolineare nel suo intervento il presidente della Cei Matteo Zuppi – perché questo è il tempo opportuno per camminare insieme”. Primo presidente di questa nuova dimensione sindacale cooperativa che ha scelto di chiamarsi Confcooperative Terre d’Emilia è Matteo Caramaschi, 47 anni, imprenditore agricolo di Reggiolo (Reggio Emilia) e già presidente di Confcooperative Reggio Emilia. Lo affiancheranno alla vicepresidenza Daniele Ravaglia, già presidente di Confcooperative Bologna e presidente del centro servizi alle imprese B.More (140 dipendenti, 10 milioni di fatturato), e Carlo Piccinini, già presidente di Confcooperative Modena e presidente nazionale di Fedagri, organismo di rappresentanza delle coop agricole, agroalimentari e della pesca di Confcooperative. La struttura, invece, farà capo a Cristian Golinelli e Matteo Manzoni nominati, rispettivamente, segretario generale e direttore generale.

«Confcooperative Terre d’Emilia – ha sottolineato Caramaschi – nasce da tre realtà molto forti e radicate in un territorio che ha visto la cooperazione protagonista di straordinari processi di sviluppo in tutti i settori produttivi e di servizio che connotano il tessuto economico e sociale locale". Qui agiscono il 50% delle cooperative attive in tutta la regione, che esprimono il 46,5% dell’occupazione complessiva e il 53,9% del fatturato”. Il fatturato del 2022 per Confcooperative Terre d’Emilia indica una crescita del 7%.