Bologna, 18 novembre 2021 - "Siamo di fatto nella quarta ondata, a livello europeo e internazionale, ma anche emiliano-romagnolo. L'indice Rt in regione è a 1,23, in leggera crescita rispetto alla settimana scorsa che era a 1,17, mentre l’incidenza sale a 83.7 casi su 100mila abitanti, da 72.8. La prossima settimana stimiamo che si arrivi a 90 casi su 100mila abitanti, anche perché oggi i nuovi contagi sfioreranno quota mille". A dirlo è Raffaele Donini, assessore alla Sanità per la Regione Emilia-Romagna, che fa il punto sui dati epidemiologici e annuncia anche il via alla campagna di prenotazione per la terza dose

Il focus Contagi in Emilia Romagna: boom di nuovi casi: il bollettino - Figliuolo: anticipare le terze dosi

Terza dose vaccino covid: quando si parte per gli over 40

Terza dose vaccino Bologna, le farmacie pronte a prenotare

La prenotazione per il richiamo potrà essere fatta a partire dal 22 di novembre, dalla popolazione con più di 40 annidopo sei mesi dalla seconda dose. La Regione, non solo è pronta per la sfida potendo mettere in campo dall'1 dicembre un'offerta potenziale di 20/25 mila vaccini al giorno, ma ha anche reiterato la richiesta al Governo di inserire nella vaccinazione per la terza dose non solo le persone che hanno dai 40 anni in su, ma anche coloro, al pari del personale sanitario, che sono più esposti al contagio, come il personale scolastico e i caregiver.

Il punto Vaccino Covid, terza dose partita troppo tardi. Sei milioni oltre la soglia di sicurezza

Covid Emilia Romagna: alta l'incidenza nella fascia 6-13 anni

"L’incidenza largamente maggiore, rispetto alla media regionale, attiene alla popolazione dai 6 ai 10 anni, con 193 casi su 100mila abitanti e agli 11-13 anni con 175 casi su 100mila", specifica Donini. È proprio in ragione dell’alta incidenza nella fascia dai 6 ai 13 anni che la Regione ha chiesto al Governo che la terza dose venga data in primis anche al personale scolastico, oltre che ai caregiver che possono avere meno di 40 anni, perché al pari degli operatori sanitari, rimangono le persone più esposte al contagio.

Nonostante la crescita della curva pandemica, negli ospedali non si registrano dati preoccupanti. "Ieri erano 459 ricoverati nei reparti Covid e 41 quelli nelle terapie intensive, su un totale di 11.454 casi attivi", dice Donini. Significa che "in totale sono 500 i ricoverati, cioè il 4,3% dei casi attivi contro il 95,7% di persone che possono non ricorrere alle cure ospedaliere, anche se in parte sintomatiche. Quello di oggi è un tasso di ospedalizzazione ancora sotto controllo, perché nei reparti Covid siamo al 5,8% (mentre soglia critica è al 15%), e nelle terapie intensive siamo al 4.6% (la soglia critica è al 10%)".

Per capire meglio a che punto siamo l'assessore da un paragone con i dati dell'anno scorso. Il 18 novembre 2020 "avevamo 2.371 casi con 53 persone decedute, quindi in questa quarta ondata stiamo beneficiando dei dati eccezionali della vaccinazione che in Emilia-Romagna è performante, grazie ai cittadini che si sono convinti di vaccinarsi, e all’organizzazione sanitaria, in particolare a tutti gli operatori sanitari coinvolti. Siamo a un passo dal raggiungimento del 90% con la prima dose (89,7% precisamente), mentre siamo all'88% con il ciclo completo". 

Terza dose vaccino over 40 in Emilia Romagna: quando e come prenotare

Al via il 22 di novembre con la prenotazione della terza dose di vaccino per le persone che hanno dai 40 anni in su, a patto che siano passati almeno sei mesi dalla seconda dose. Il booster (richiamo) è previsto, da disposizioni governo e la regione sta già lavorando su questo fronte, a tutta la categoria dei sanitari e alla popolazione con più di 60 anni, in primis la popolazione con gravi immunodepressioni. Il richiamo con vaccinazione eterologa è previsto anche per chi è stato vaccinato con l'unica dose di  Johnson & Johnson, indipendentemente dalla fascia da età, ma dopo sei mesi dalla vaccinazione.

"Sono 2 milioni e 218mila le persone che hanno fatto le due dosi e progressivamente da qui a fine maggio saranno nelle condizioni di richiedere la terza dose", spiega Donini. "Nel frattempo, siamo la prima regione italiana per vaccinazione della popolazione più vulnerabile, con il 91%. In più, a oggi, sono state fatte 317.241 terze dosi in Emilia-Romagna. Corrisponde al 9,2% di tutte le terze dosi fatte in Italia. Visto che la popolazione target a livello nazionale è il 7,5% stiamo correndo anche per le terze dosi".

Per prenotare la terza dose sarà possibile farlo tramite Cup o fascicolo elettronico, ma anche presso il proprio medico di medicina generale e nelle farmacie aderenti e l'assessore non esclude eventuali open day in futuro, in base al flusso di prenotazioni e alla disponibilità di vaccini.

"I medici di medicina generale possono dare la terza dose ai più anziani o a coloro che hanno meno possibilità di spostamento, in accordo con l’Asl", spiega Donini. "Per dare ulteriore potenzialità alla campagna, continueranno a essere disponibili gli hub e i punti vaccinali su base distrettuale, ma anche gli ospedali per il personale sanitario. Ci sono poi 230 farmacie, su 1316 in totale, che sono disponibili per l'inoculazione delle terze dosi".