Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
2 ago 2022

Vaiolo delle scimmie, salgono a 57 i casi in Emilia Romagna

A fine luglio i contagi in regione erano 49. Sintomi, come si cura e come si trasmette il Monkeypox. Bassetti: "Vaccinare tutti gli italiani a rischio"

2 ago 2022
featured image
Vaiolo delle scimmie, la diffusione nel mondo
featured image
Vaiolo delle scimmie, la diffusione nel mondo

Bologna, 2 agosto 2022 - Crescono, lentamente ma inesorabilmente, i casi di vaiolo delle scimmie (o Monkeypox) in Emilia Romagna e in Italia. La nostra regione, con 57 casi, si piazza al terzo posto per numero di malati, dopo la Lombardia (che segnala 232 casi) e il Lazio (104). Rispetto alla rilevazione di pochi giorni fa, l'incremento è evidente: il 27 luglio si segnalavano 49 casi in Emilia Romagna. Ricordiamo che l'Oms (Organizzazione mondiale della sanità) ha dichiarato  il vaiolo delle scimmie (Monkeypox) quale “emergenza sanitaria globale”. La situazione in Italia A livello nazionale, sono 505 i casi confermati di vaiolo delle scimmie, 26 in più rispetto all'ultima rilevazione di 4 giorni fa, secondo il bollettino pubblicato dal ministero della Salute con dati aggiornati a oggi, 2 agosto.  I casi collegati a viaggi all'estero sono 149 e l'età media dei pazienti è di 37 anni (per un range che va dai 20 ai 71 anni). Nella casistica italiana risultano ora solo 4 donne contro 501 uomini.   Dopo Lombardia, Lazio ed Emilia Romagna, la classifica per regioni vede Veneto (33), Piemonte (18) e Toscana (17).  Dopo la prima infezione rilevata in Sardegna, scendono a 5 le regioni che non hanno ancora segnalato nessun caso di Monkeypox (Basilicata, Calabria, Molise, Umbria e Valle d'Aosta). Le restanti, comprese le province autonome di Bolzano e di Trento, contano meno di 10 casi.  Bassetti: vaccinare tutti gli italiani a rischio In risposta all'assessore della Sanità del Lazio, che metteva a disposizione lo Spallanzani di Roma come centro regionale per i vaccini anti vaiolo, Matteo Bassetti, direttore della Clinica di malattie infettive del Policlinico San Martino di Genova, chiarisce: "Se si parte con un programma di vaccinazione contro il vaiolo delle scimmie deve essere offerto a tutti gli italiani che rientrano nelle categorie potenzialmente a rischio. ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?