Di Sabatino e Viscovo, a terra, si disperano per il pasticcio: è il 2-1 per la Samb
Di Sabatino e Viscovo, a terra, si disperano per il pasticcio: è il 2-1 per la Samb

Fano, 26 agosto 2019 - Regge un tempo il Fano tutto nuovo di Fontana di fronte ad una Samb spietata e sprecona, poi una disgraziata autorete a inizio ripresa apre una voragine psicologica e fisica tra i granata, graziati a ripetizione. Abituati a vedere nelle stagioni scorse un’Alma rinunciataria, sparagnina e inconcludente, non pare vero di ammirare una squadra che parte alla carica.

È il nuovo verbo di Fontana che vuole il pressing alto, anche se questo lascia ampi spazi tra la difesa e il portiere per i lanci in profondità avversari. Poco importa, il Fano gioca alla pari contro una Samb robusta e smaliziata, anche nel punteggio – grazie ad un rigore neutralizzato da Viscovo – per tutto il primo tempo.

La ripresa, invece, mostra l’altra faccia della medaglia. L’autorete in apertura getta nello sconforto la truppa granata, poi la sostanza della Samb mette a nudo qualche mezza verità: che dietro l’undici iniziale le salmerie sono scarse e il ritardo di condizione vistoso. Rimane l’impressione positiva di un’Alma che gioca, mette sotto l’avversario, recupera lo svantaggio e ha elementi di assoluto valore. Insomma di primo acchito, piace, anche se qualcosa ancora deve essere registrato.

Samb subito in vantaggio al 14’: Tofanari sbaglia l’intervento, Di Massimo s’invola sulla sinistra e traversa sul secondo palo dove Cernigoi infila. Replica di testa Gatti su angolo di Baldini, fuori. Ancora Di Massimo al 26’, Viscovo salva e Cernigoi grazia il portiere fanese. Pareggio del Fano al 27’: azione granata, con Parlati che di testa anticipa il portiere. Errore di Sapone al 32’ che perde un contrasto e Viscovo deve superarsi su Bove. Poi sbaglia Baldini (33’) e su cross di De Vito (36’) mancano la palla Barbuti e Carpani, Tofanari spedisce alto. Al 40’ solo l’arbitro vede un mani di Tofanari concedendo un rigore: Viscovo intuisce la traiettoria di Di Massimo e salva il pari. Ma il verdetto è solo rimandato: al 7’ su cross di Cernigoi, Viscovo e Di Sabatino si intralciano col difensore che devia nella propria porta. Il Fano si spegne la Samb sbaglia gol a go-go, fino a quando Orlando la chiude deviando secco un cross di Frediani.

Il tabellino

Fano 1

Samb 3

ALMA JUVE FANO (4-3-3): Viscovo; Tofanari, Di Sabatino, Gatti, De Vito; Carpani (28’ st Gjuci), Sapone (14’ st Marino), Parlati (14’ st Said); Paolini (20’ st Sarli), Barbuti, Baldini. A disp. Fasolini, Diop, Massardi, Mainardi, Boccioletti, Giorgini, Morsucci. All. Fontana.

SAMB (4-3-3): Santurro; Rapisarda, Miceli, Di Pasquale, Gemignani; Gelonese (28’ st Panaioli), Bove (1’ st Angiulli), Piredda (1’ st Rocchi), Volpicelli (20’ st Orlando), Cernigoi, Di Massimo (33’ st Frediani). A disp. Raccichini, Fusco, trillò, Zaffagnini, Brunetti, Garofalo. All. Montero.

Arbitro: Bitonti di Bologna.

Reti: 14’ pt Cernigoi, 27’ pt Parlati, 7’ st Di Sabatino (aut), 47’ st Orlando.

Note - Spettatori 1.529 (di cui 283 abbonati e 500 ospiti). Ammoniti: Di Pasquale, Miceli, Fontana (all.). Angoli 3-5, recuperi 1’ + 4’.