AL SOLE Le spiagge di Marotta. Nel tondo,  Cesare Rossi, rappresentante dei bagnini
AL SOLE Le spiagge di Marotta. Nel tondo, Cesare Rossi, rappresentante dei bagnini

Marotta (Fano), 11 aprile 2019 - Pronti già a Pasqua, senza alcun aumento di prezzi rispetto al 2018 e col valore aggiunto del progetto, operativo, ‘spiagge senza barriere’ a favore dei disabili motori. I 17 stabilimenti balneari di Marotta, dislocati sui 5 chilometri di costa della cittadina, ‘scaldano i motori’ in vista della stagione 2019 e le notizie per chi sceglierà questo tratto di litorale, sono sicuramente interessanti.

«Ci siamo dati l’obiettivo di aprire già per il weekend di Pasqua – conferma il presidente della locale Associazione Bagnini, Cesare Rossi – e tutti stiamo lavorando in questa direzione. L’amministrazione comunale, dal canto suo, ci sta dando una grossa mano perché sono in fase avanzata le operazioni di pulizia dell’arenile e se il meteo sarà dalla nostra parte potremo davvero essere operativi a partire da sabato 20. Del resto – aggiunge -, dal 25 al 28 aprile avremo la ‘Festa dei Garagoi’ e per quell’occasione tutti vogliamo presentarci col vestito buono». «In qualità anche di presidente della Consulta comunale del turismo – prosegue – ho esortato gli operatori del settore ad anticipare la stagione. Per essere efficaci, infatti, è necessario che ci sia un lavoro di squadra: non solo dei bagnini, ma anche degli albergatori e di chi gestisce i chioschi, alcuni dei quali, per la verità, sono già aperti. Insieme possiamo fare la differenza».

E buone notizie, come detto, arrivano sul fronte dei prezzi: «Ho già consultato i colleghi e siamo concordi nel mantenere invariate le tariffe rispetto all’anno scorso. In soldoni, per un ombrellone e due lettini ci vorrà una cifra, per le singole giornate, dai 15 ai 18 euro. Con prezzi destinati a calare in caso di ‘affitto’ settimanale, mensile o, addirittura per l’intera stagione». Tutto, con in più il progetto ‘spiagge senza barriere’ decollato lo scorso luglio e che sarà funzionante dal primo giorno di apertura.

«Ciascuno dei nostri stabilimenti – ricorda Cesare Rossi – è dotato di una sedia ‘sole-mare’ (diverse spiagge ne hanno addirittura due), che sono speciali carrozzine che consentono l’accesso sia sulla sabbia, sia in acqua alle persone con disabilità fisica. Un progetto, gratuito per gli utenti, che qualifica il nostro litorale, reso possibile dal lavoro sinergico che abbiamo portato avanti con Oasi Confartigianato e grazie al contributo della Regione (in virtù di un emendamento al bilancio del consigliere Federico Talè), del Comune, della Staffetta della Solidarietà e dell’associazione Malarupta».