Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Imbrattate auto in pieno centro a Lucrezia

Si pensa ad una ‘bravata’. I colpevoli forse ripresi dalle telecamere

di SANDRO FRANCESCHETTI
Ultimo aggiornamento il 29 agosto 2018 alle 07:55
Una delle auto imbrattate

Cartoceto, 29 agosto 2018 - Almeno 10 automobili con la carrozzeria imbrattata di vernice spray e tra queste ce n’è anche una del Comune. E’ il bilancio di un’assurda notte di vandalismo consumatasi tra lunedì sera e ieri mattina a Lucrezia. Strisce lungo la fiancata, disegni senza senso sul cofano, altre macchie sul tettuccio… con un’unica costante: il colore verde. Teatro di questi atti di teppismo contro le macchine è stato il centro di Lucrezia. Via Gramsci, via Della Repubblica, via Della Stazione e zone limitrofe. E in via Della Repubblica, parcheggiata in prossimità della delegazione municipale, è stata presa di mira anche la Fiat Idea del Comune, ben riconoscibile per lo stemma riprodotto sullo sportello anteriore sinistro. Tutte ‘private’ le altre macchine, colpite apparentemente a caso, per il gusto di procurare un danno. Del caso si occupano i carabinieri della stazione di Colli al Metauro guidati dal luogotenente Antonello Pannaccio, che stanno visionando immagini da telecamere e raccogliendo testimonianze utili a risalire ai responsabili. La tesi prevalente è che si tratti della stupida ‘bravata’ di un gruppo di ragazzi, ma non si escludono altre ipotesi.

Quello che è certo è che la fattispecie è contemplata dal codice penale: danneggiamento aggravato. «Si tratta di un brutto episodio, da stigmatizzare in modo fermo – commenta il sindaco Enrico Rossi –. Auspico che gli autori vengano individuati e colgo l’occasione per evidenziare che il nostro Comune è in attesa di riscontro dal ministero dell’Interno per un progetto di 250mila euro, già validato dalla prefettura, per l’installazione di telecamere con targa system in tutte le aree sensibili e negli accessi del territorio comunale, che rappresenterebbe un rilevante ausilio per le forze dell’ordine contro fenomeni criminali e vandalici».

 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.