La bomba di Fano portata in mare (Fotoprint)
La bomba di Fano portata in mare (Fotoprint)

Fano (Pesaro Urbino), 15 marzo 2018 - La bomba non fa più paura, l’allarme è cessato. All’alba di ieri Fano è uscita dall’incubo nel quale era precipitata dopo il ritrovamento sul lungomare di un ordigno bellico da 500 libbre (250 kg), in procinto di esplodere (FOTO). Il coraggio e la preparazione di una ventina di uomini, tra Esercito e Marina Militare, ha risolto la situazione con un’operazione di successo, ma ad alto rischio. In due ore e mezzo i militari (il Genio Ferrovieri di Castel Maggiore di Bologna guidati dal Capitano Andrea Podestà e i colleghi del Gruppo Operativo Subacquei del Comando Subacquei e Incursori coordinati dal capitano di Corvetta Therry Trevisan) hanno imbragato la bomba, l’hanno trascinata con un cavo d’acciaio di 400 metri sul fondale marino, superando i frangiflutti, col rischio che le vibrazioni ne provocassero l’esplosione. 

La bomba di Fano (foto Marina Militare)


Una volta al largo la bomba è stata trasportata dalla motovedetta fino a due miglia dalla costa e accompagnata da un subacqueo fin sul fondale marino. Lì rimarrà fino a quando, trascorse le 144 ore previste, potrà essere distrutta in loco: non prima di lunedì prossimo. Non è escluso che in questo periodo di tempo possa esplodere «ma – assicura Trevisan – non recherà più danno a nessuno». L’area è segnalata ed in quel punto è vietata la navigazione. Un pericolo reale, quello della detonazione dell’ordigno, che avrebbe potuto proiettare schegge nel raggio di 1860 metri: da qui la decisione delle autorità nella serata di martedì di allontanare dalle loro case 23mila fanesi (FOTO), un terzo della popolazione. 

LEGGI ANCHE La lunga notte degli sfollati

image


Per assicurarsi che i cittadini abbandonassero le abitazioni, nella notte sono scese in campo tutte le forze dell’ordine. Le operazioni sono state coordinate dal prefetto Carla Cincarilli e dal sindaco Massimo Seri, che hanno ringraziato tutti per la collaborazione, in particolare i militari che nel rimuovere l’ordigno hanno messo a repentaglio la loro vita. Rischio reale confermato da Trevisan: «La bomba era stata accidentalmente attivata durante i lavori di escavazione e per le 144 ore successive avrebbe potuto scoppiare in qualsiasi momento». Per la popolazione che ha dovuto abbandonare le abitazioni sono state messe a disposizione per la notte le palestre comunali, le parrocchie e gli alberghi  (VIDEO). In molti, però, hanno preferito alloggiare da parenti e amici, alcuni hanno dormito nelle auto, mentre altri coraggiosi, i più lontani dalla zona di pericolo, sono rimasti in casa. 

image


Fondamentale anche la collaborazione dei bagnini che hanno messo a disposizione i lettini, in aggiunta alle brandine e alle coperte procurate dalla Protezione civile. Le maggiori difficoltà si sono create nelle famiglie che avevano persone invalide in casa e bloccate a letto  (VIDEO). Nel locale ospedale i 123 pazienti ricoverati sono rimasti nella struttura, ma portati per maggiore sicurezza nei seminterrati dove si trovano Radiologia e il Polo endoscopico. Solo 23 sono stati trasferiti nel nosocomio di Pesaro. Da ieri mattina la città è tornata alla normalità. 

image