Nel riquadro l'infermiera Michela Venturi
Nel riquadro l'infermiera Michela Venturi

Pesaro, 21 marzo 2020 - Cento euro in più al mese per rischiare la vita? Anche no. No, perché "il mio lavoro vale molto di più". Ma soprattutto no perché "basta una sola, minima distrazione e si rischia di infettarsi". La lettera-appello della 39enne infermiera dell’ospedale di Senigallia Michela Venturi, originaria di Fano, al premier Conte, affidata ai social, é subito virale per il modo struggente con cui si rivolge al premier, vivendo ogni giorno la prima linea.

Aggiornamento La risposta di Conte in Parlamento

Le schede Le regole in casa per scarpe e vestiti – Il farmaco - PDF / Nuovo modulo per l'autocertificazione - Come capire se si è a rischio

"La ringrazio, ma quei soldi non li voglio", il messaggio di sfogo al premier amplificato dalla rete. Una vita professionale stravolta dalla pandemia. "Durante i miei turni non bevo e non mangio perché ho paura che con un solo errore mi infetti e di conseguenza trasmetta il virus ad altri. Così ogni tanto ho un calo di zuccheri, ma non mollo". E "ho paura che solo spostandomi gli occhiali e la mascherina o togliendomi i guanti causa dolore insopportabile al viso e alle mani, possa contrarre il virus".