Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
22 lug 2022
22 lug 2022

È la serata di Fred Wesley Fano Jazz: che anteprima

Al via la 30ª edizione, stasera l’appuntamento nei pressi dell’Arco d’Augusto. Poi ci sarà la performance del duo finlandese Aki Himanen-Aleksi Kinnunen

22 lug 2022
Il trombonista Fred Wesley, ex collaboratore di James Brown, con il quale ha condiviso il suo periodo creativo più fulgido
Il trombonista Fred Wesley, ex collaboratore di James Brown, con il quale ha condiviso il suo periodo creativo più fulgido
Il trombonista Fred Wesley, ex collaboratore di James Brown, con il quale ha condiviso il suo periodo creativo più fulgido
Il trombonista Fred Wesley, ex collaboratore di James Brown, con il quale ha condiviso il suo periodo creativo più fulgido
Il trombonista Fred Wesley, ex collaboratore di James Brown, con il quale ha condiviso il suo periodo creativo più fulgido
Il trombonista Fred Wesley, ex collaboratore di James Brown, con il quale ha condiviso il suo periodo creativo più fulgido

Edizione di grandi festeggiamenti quella di Fano Jazz By The Sea 2022 che sta per iniziare: il Festival celebra infatti la propria 30ª edizione con un concerto-anteprima previsto stasera nei pressi dell’Arco di Augusto (ore 21.15, ingresso gratuito), di cui sarà protagonista uno de maestri del jazz funk, il trombonista Fred Wesley. L’ex collaboratore di James Brown, con il quale ha condiviso il suo periodo creativo più fulgido, sarà coadiuvato nella speciale occasione dai suoi New JBs, con Gary Winters alla tromba, Hernan Rodriguez al sax, Reggie Ward alla chitarra, Peter Madsen alle tastiere, Dwayne Dolphin al basso e Bruce Cox alla batteria.

Al termine del concerto di Fred Wesley sarà possibile assistere (sempre in prossimità dell’Arco di Augusto) alla performance del duo finlandese Aki Himanen - Aleksi Kinnunen, primo appuntamento con le sonorità elettroniche della sezione Cosmic Journey.

Nato a Columbus il 4 luglio 1943, Fred Wesley unisce il suo magistero strumentale con la spettacolarità e la potenza del funk, di cui ha appreso ogni segreto militando nella band di James Brown, all’epoca di grandi successi come “Say It Loud – I’m Black and I’m Proud”, “Mother Popcorn” e di “Hot Pants”, di cui è stato coautore. Ma nel carnet di collaborazioni di Fred Wesley ci sono anche altre icone della black music come Ike e Tina Turner, George Clinton e i suoi ParliamentFunkadelic, Bootsy Collins e gli stessi vecchi amici dei JB Horns, i sassofonisti Maceo Parker e Pee Wee Ellis, oltre alla big band di Count Basie. Fred Wesley appartiene dunque alla storia del funk, ma ne riflette anche la sua attualità. Nel 2002 ha pubblicato l’autobiografia Hit Me, Fred: Recollections of a Sideman, nella quale sono raccontate le mille avventure musicali di cui Fred Wesley è stato protagonista.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?