È morto l’avvocato Marfori, donati gli organi

Si è spento a 83 anni, compiuti nel reparto di Rianimazione dov’era ricoverato dal 25 giugno, dopo un malore nella piscina di un camping

È morto l’avvocato Marfori, donati gli organi

È morto l’avvocato Marfori, donati gli organi

di Tiziana Petrelli

E’ stato un dono per tanti, nella vita come nella morte. Si è spento dopo due settimane di agonia, l’avvocato Luigi Marfori, ma ora una parte di sé continuerà a vivere in qualcun altro. Perché l’ultimo grande dono dell’illustre e stimato avvocato del Foro di Pesaro che ha reso grande la pallavolo femminile fanese, è stato donare i suoi organi affinché altri potessero avere una vita migliore. "E’ stato un grande uomo - le poche parole che la figlia Rita ci ha consegnato - onesto, leale, affettuoso, cordiale, rispettoso, amante di ogni forma di sport, e che soprattutto ha amato smisuratamente la sua famiglia".

Aveva 83 anni Marfori, compiuti proprio nel letto della Rianimazione dell’Ospedale regionale di Torrette, dove era ricoverato dal 25 giugno scorso a seguito del malore fatale accusato mentre nuotava nella piscina del camping Stella Maris, dove in quel giorno di festa si era recato con la famiglia per trascorrere qualche ora di relax. Da subito i medici avevano comunicato ai familiari l’irreversibilità della situazione clinica, tant’è che generosamente la moglie Giuliana e i tre figli (Alessandro, Lucia e Rita) hanno subito acconsentito alla donazione degli organi, quando le condizioni cliniche di Marfori l’avessero reso possibile. E così queste due settimane, in cui la tempra forte di quel fisico da sempre votato allo sport ha lottato per rimanere aggrappato alla vita, sono state il tempo del silenzio, del rispetto e dell’affetto di un’intera città che si è stretta attorno ad una famiglia che è sempre stata un esempio per tutti. Ma è stato anche il tempo dell’attesa dell’addio, che in tanti vorranno dare al caro avvocato.

Con tutta probabilità i funerali si svolgeranno venerdì in duomo, ma non è stato ancora fissato l’orario. Intanto ieri pomeriggio, quando si è diffusa la notizia della sua morte in città, sono iniziati a fioccare i messaggi di cordoglio. Tra i tantissimi riportiamo: "Apprendiamo con immensa tristezza la scomparsa dell’amico Luigi Marfori - la Virtus Volley Fano, sui suoi canali social -. Tutta la Pallavolo perde un grande punto di riferimento". "Con profonda commozione ci uniamo al dolore per la scomparsa dell’avvocato Luigi Marfori - ha aggiunto il sindaco Serfilippi - figura storica e simbolo dello sport fanese (…) continuerà a vivere nei cuori di tutti noi perché ci ha insegnato che lo sport è linfa della vita". "Ho avuto l’onore ed il piacere di averlo accanto per anni - il presidente della Fipav provinciale, Giancarlo Sorbini -, intelligenza, acutezza, cultura, ironia. Per me più di un amico, su di lui si poteva contare sempre e comunque. Una grande perdita per la famiglia e per tutti noi".