Quotidiano Nazionale logo
17 gen 2022

"Gimarra, serve una strada O Fano alta è in trappola"

La protesta di un residente storico, in risposta ai contrari alla Variante "Quando i nuovi appartamenti saranno finiti, i problemi si moltiplicheranno"

Tinti con il progetto Piccinato del ’67
Tinti con il progetto Piccinato del ’67
Tinti con il progetto Piccinato del ’67

"Qui la domenica è già pieno di macchine e non c’è ancora un appartamento finito. Se non fanno subito una strada come nel progetto Piccinato, ora che c’è anche un nuovo proprietario per i ‘ruderi’ di Fano alta, non si uscirà più da lì". E’ stanco di sentir parlare solo "i proprietari importanti" Gianfranco Tinti, 71enne, fanese doc, di Gimarra. "Sto qui da 70 anni e fino ad ora sul progetto Piccinato del 1967 tutti parlano senza mai affrontare il problema di fondo: l’accesso a Fano alta - dice -. E’ arrivato il momento di dire ai cittadini residenti come si intende risolvere i problemi di viabilità della zona, senza raccontare la bella storia dell’esigenza ‘di salvaguardia delle colline di San Biagio, della Natura e dei girasoli’. E aggiungerei anche ‘della fauna’ visto che sono arrivati i lupi". Tinti si augura che l’imprenditore Fabrizio Sorcinelli che si è aggiudicato il lotto all’asta (comprese le opere di urbanizzazione per 391mila euro) faccia sentire la propria voce mettendo la questione al primo posto. A Tinti poco importa che si realizzi esattamente il progetto Piccinato (ovvero la “Circonvallazione dell’Adriatica a monte“, lungo le falde delle colline occidentali con sbocco a Nord est accanto all’aeroporto) con la variante approvata dall’allora Giunta Aguzzi. Basta che si risolva il problema dei residenti. "E’ una priorità ormai non più prorogabile per la vivibilità del quartiere. E’ sempre più chiaro che sarà difficile far convivere il vecchio con il nuovo". A Tinti non piace neppure l’idea che la proposta delle complanari nord e sud, in alternativa alla variante Gimarra, diventi oggetto di un opuscolo che sarà stampato in 10mila copie e distribuito ai cittadini. "La difesa del proprio orticello da parte di proprietari di terreni ‘importanti’ (si riferisce a Gabellini e Benini) la capisco. Ma acquistando terreni con capanni ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?