Quotidiano Nazionale logo
12 apr 2022

"I mille euro di contributi non arrivano, le tasse sì"

Fabio Manno, dell’Atelier del Viaggiatore, torna alla carica. "Per fortuna si sta ricominciando a lavorare"

Fabio Manno, Atelier del viaggiatore
Fabio Manno, Atelier del viaggiatore
Fabio Manno, Atelier del viaggiatore

Il contributo comunale da mille euro per le agenzie viaggi, a distanza di 15 mesi, non è ancora arrivato. In compenso, nella buca delle lettere è comparso il bollettino da 232 euro per la tassa sulla pubblicità. Dopo due mesi e mezza dall’ultima segnalazione, Fabio Manno dell’Atelier del Viaggiatore torna alla carica: "La situazione non è cambiata, il contributo promesso l’hanno ricevuto solo 2-3 agenzie. Sono passati 15 mesi ma le promesse fatte dall’assessore Etienn Lucarelli sono rimaste parole al vento".

"Ho invece ricevuto dal Comune – aggiunge Manno – il bollettino di 232 euro per il canone della pubblicità nelle vetrine dell’agenzia. Bollettino che ho provveduto a pagare immediatamente, nonostante la proroga al 15 aprile perché recapitato oltre la scadenza del 31 marzo". Il bando per ricevere i 1000 euro, riservato alle attività (una trentina) tra agenzie di viaggio, operatori dello spettacolo, organizzatori di matrimoni, che già dal 2019 avevano subito una perdita di fatturato di oltre l’80%, è stato chiuso il 31 gennaio 2021. Ma a distanza di oltre un anno, i mille euro non sono ancora disponibili. Una piccola cifra, non determinante, ma che per Manno, però, è diventata una questione di principio.

Assicura che i mille euro "sono in pagamento" l’assessore Lucarelli: "Mi dispiace per i ritardi. Gli uffici, sollecitati, mi hanno spiegato che i ritardi sono legati ad errori nella presentazione di alcune domande, a questioni di tipo burocratico e alla richiesta di iscrizione ad albi nazionali. La burocrazia a volte è insostenibile, ma la nostra scelta politica è stata chiara: aiutare le imprese in difficoltà come le agenzie viaggi". "Per fortuna – commenta Manno – abbiamo ripreso a lavorare sia per Pasqua sia in vista dell’estate". Sembra che i fanesi abbiano voglia soprattutto di "Maldive, Stati Uniti e città d’arte. Mentre per l’estate si privilegia il Mediterraneo dove sonogettonate Grecia e Spagna".

Anna Marchetti

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?