Il Lisippo conservato al Getty museum

Fano, 8 giugno 2018 – "Davide ha di nuovo vinto contro Golia". Sono la parole di Alberto Berardi, professore, fanese e uno dei più battaglieri sostenitori del rientro del Lisippo in Italia e quindi a Fano, a commento della sentenza notificata oggi alle parti dal gip Giacomo Gasparini.

Il gip ha confermato la confisca al Lisippo da parte dello Stato italiano: si tratta dell’atleta bronzeo risalente al quarto secolo avanti Cristo ritrovato nel ’64 al largo delle voste di Fano da un peschereccio con equipaggio fanese e da oltre 40 anni oggetto di contesa con il Paul Getty Museum, il museo californiano che lo acquistò nel ’77 e che attualmente lo detiene.

LEGGI ANCHE Lisippo, parla l'uomo che pescò la scultura. "Ci guadagnai ben 120mila lire"

Il gip, in estrema sintesi, dice che non c’era buona fede nell’acquisto della statua, per 3,9 milioni di dollari, fatto nel ’77 dal Getty Museum, e che lo stesso museo sarebbe stato negligente nel non controllare la provenienza illecita dell’opera.

E ora Fano sogna di poter riavere la statua, anche se da un punto di vista legale la partita torna al 2010, quando già i legali del Getty si opposero in Cassazione a quella confisca, decisa dell’allora gip Lorena Mussoni: cosa che potranno fare anche adesso. Il Comune di Fano da parte sua dovrebbe, in caso di rientro, trovare, una sede idonea a un’opera il cui valore è ovviamente inestimabile.

Lisippo, appello per Clooney: “George, aiutaci a riportarlo qui”