Fano, donna si spoglia in strada al porto
Fano, donna si spoglia in strada al porto

Fano, 25 agosto 2019 - Si è spogliata nuda davanti all’edicola in fondo a viale Adriatico. E poi, tra l’inerzia della gente che la guardava, filmava ma non l’aiutava in alcun modo, si è diretta scalza fino al curvone. Qui una 66enne di Terre Roveresche, suo malgrado, intorno a mezzogiorno (quando la colonnina del termometro misurava 28 gradi) ha dato in escandescenza bloccando il traffico, urlando contro gli automobilisti, gettandosi sui cofani delle auto in transito davanti al ristorante galleggiante del porto e tentando a mani nude di spingere indietro quelle vetture in corsa.

Pochi minuti che sono sembrati interminabili, quelli che sono intercorsi tra quando la donna, in evidente stato confusionale, si è denudata, e quando gli agenti della polizia locale sono riusciti a raggiungerla per aiutarla, bloccando la sua furia e coprendola con un lenzuolo. 

Assieme a loro, al porto, sono giunti anche i sanitari del 118 che l’hanno condotta in ospedale per gli accertamenti del caso. Una storia triste, che ha provocato anche un reale disagio alla viabilità cittadina, ma inquesto caso la tecnologia ha innescato un meccanismo perverso per cui, in diretta, sono circolati in rete, senza filtri, foto e video della donna, quindi ben riconoscibile.

Una condotta subito stigmatizzata anche dall’assessore alle Pari Opportunità Sara Cucchiarini che ringraziando «i sanitari e la polizia locale per il repentino intervento» si è appellata alle coscienze «di quelle persone che hanno fotografato e pubblicato… per favore rimuovetele: per rispetto e dignità della donna, dei suoi cari e anche di voi stessi».