Quotidiano Nazionale logo
20 apr 2022

Rubano profumi per 400 euro al Beauty Tu

Una è già stata condannata. L’altra è a processo: avrebbe. distratto la titolare

Una era stata identificata come "la ragazza della camicia a scacchi", l’altra quella dai "capelli rossi". Per l’accusa, tutte e due sono le ragazze del furto da 400 euro di profumi alla Beauty Tu di Fano del 25 marzo 2017. Si tratta di due 30enni rom. La prima era già stata condannata a 8 mesi di carcere. E ora è finita a processo anche la seconda, originaria di Milano, residente a San Lorenzo in Campo. Ieri però l’udienza è stata rinviata.

Secondo l’accusa, la donna che indossava la camicia a scacchi sarebbe stata l’abile manolesta che in un attimo è riuscita a impossessarsi di 6 confezioni di costose essenze, del valore complessivo di 400 euro, che si trovavano sullo scaffale dietro alla cassa. Arraffato il bottino, l’ha infilato nella borsa. Le indagini avevano portato dritto a lei e finita a processo, si era presa la condanna. Ma in giudizio erano emersi elementi che portavano a sostenere un contributo al colpo anche dell’altra "ragazza" che era con lei, la "rossa". Così il giudice aveva rimesso gli atti al pm perché la indagasse per furto. La procura aveva sostenuto che questa avrebbe distratto la titolare facendo acquisiti di modesto importo per permettere alla socia di prendere il grosso del bottino. Poi si erano date alla fuga sull’auto della ragazza dai capelli rossi, ma con quella della camicia a scacchi alla guida. Il difensore dell’imputata, l’avvocato Marco Defendini, sostiene che la sua assistita non sapesse che la prima donna avesse commesso il furto.

e. ros.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?