Fano, 22 novembre 2018 - «Non abbiamo sede né stipendio: tutto ciò che entra lo portiamo direttamente in Africa». E’ Daniela Galanti a raccontarci l’impegno nel continente nero dell’associazione Africa Milele di cui è tra i soci volontari che ne curano l’aspetto amministrativo. «E’ un po’ che non seguo più direttamente le questioni dell’associazione, perché ho un figlio di 4 mesi – dice Daniela –. E’ Lilian che gestisce i volontari. Se non fosse successo questo rapimento, proprio stasera ci saremmo dovuti incontrare con lei per gli aggiornamenti. Al momento infatti segue da sola tutti i progetti, perché non lavora, avendo una bimba di un anno». E’ dedicata a progetti per l’infanzia l’attività svolta nel piccolo villaggio keniota di Chakama dall’Africa Milele, che in lingua swahili significa ‘Africa per Sempre’.

LEGGI ANCHE Silvia e il mal d’Africa: "Qui mi riempio di gioia"

E’ una piccola associazione di volontariato fanese nata nel 2012 quella con cui collabora da tempo (ma fino al 5 novembre scorso lo aveva fatto solo dall’Italia) la 23enne Silvia Romano. Un’associazione che ha 12mila followers online ma è poco conosciuta in città dove da quasi 30 anni opera un’organizzazione dello stesso tipo, ma più strutturata. «In Kenya non ci sono guerre, ma la situazione non è tranquilla – dice Raffaella Nannini dell’Africa Chiama –. Conosco Lilian e Africa Milele, ma non abbiamo mai lavorato insieme. So che sono tutti volontari e che hanno preso il giro della Lombardia». Lo conferma, la Galanti.

LEGGI ANCHE La 23enne lavora per una onlus di Fano. "Siamo tutti con te"

«Io non sono mai stata in Kenya – prosegue –. A Chakama abbiamo una sartoria, con delle macchine con cui le ragazze imparano a cucire assorbenti lavabili da distribuire nelle scuole. Lì infatti le ragazze non vanno a scuola quando hanno il ciclo perché c’è poca informazione. Con questo progetto le educhiamo e allo stesso tempo le rendiamo autonome. Poi con i versamenti delle adozioni a distanza paghiamo le rette scolastiche dei bambini».

RAGAZZA_35135368_161719

Silvia è arrivata in Kenya due settimane fa, con una laurea fresca alla scuola superiore per mediatori culturali e un’esperienza di volontariato già svolta per un’altra associazione che opera in loco. «Con noi no, non era mai partita prima - prosegue Daniela - ma seguiva il progetto dall’Italia. E’ la nostra referente a Chakama. Lo è per forza di cose… non abbiamo tanti volontari». E’ anche questo il motivo per cui «non ne mandiamo tanti tutti insieme, ma pochi alla volta, a seconda della loro disponibilità. Ognuno di loro mette a disposizione una o due delle sue settimane libere. In questo modo riusciamo a garantire una presenza abbastanza costante là, ma non per tutto l’anno. Per questo Silvia era da sola in questi giorni».

t. p.