Fano, 11 aprile 2019 - Niente più accordi diretti tra musei italiani e il Getty di Los Angeles. Da ora in poi, sarà il Mibac (Ministero per i beni e le attività culturali) a dare l’ok per gli scambi di opere con il museo di Malibù, dove si trova la statua del Lisippo al centro della decennale contesa tra l’Italia e l’America.

Il Ministero ha infatti reso noto che “avocherà al proprio livello centrale qualsiasi tipo di accordo di scambio o di prestito con il museo Getty di Los Angeles, fatti salvi però gli accordi già stipulati e quelli in fase avanzata di realizzazione”.

Una decisione che sarebbe maturata nel corso della riunione del “Comitato per il recupero e la restituzione delle opere trafugate” che si è tenuta ieri sera alla presenza del ministro Bonisoli. Il Getty, infatti - sempre a quanto si apprende da fonti del Mibac -, non ha per ora dato alcun seguito alla sentenza della Corte di Cassazione italiana che prevedeva la restituzione dell’atleta di Fano di Lisippo all’Italia. Il Comitato ha discusso ieri anche di altre quattro opere esposte al Getty, due che risultano rubate in Italia e due che sono state esportate illecitamente, su cui si avvierà immediatamente un percorso diplomatico per la restituzione.

“Sono contenta che il Mibac avochi a sé gli accordi col Getty – commenta il pm Silvia Cecchi che segue il caso da anni e sul quale ha ottenuto per la terza volta il via libera alla confisca da parte dei giudici italiani (a dicembre 2018 la sentenza definitiva della Cassazione) – è un segno di grande interesse e di rafforzamento oggettivo alla nostra battaglia per il rientro. Di fatto però manca ancora un ultimo tassello. La rogatoria non è infatti ancora pronta. Si sta ultimando la traduzione. Poi la invieremo al Ministero di Giustizia che procederà ad inviarla alle autorità della California. Certo è che se il Getty volesse restituirci il Lisippo, potrebbe farlo a prescindere dalla rogatoria, in qualunque momento".

LEGGI ANCHE Lisippo Fano, contatto Sgarbi Trump. "Ci ho parlato e lo richiamerò"

image