Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
31 mag 2022

Sul palco l’artista ucraina e la russa Al San Domenico la pace è un canto

Concerto di beneficenza venerdì alla Pinacoteca di due soprano legate da una profonda amicizia

31 mag 2022
Da sinistra Taisiya Korobetskaya, Damaso Mann, Elisa Cerri. L’artista ucraina Yuliya Tkaqchenko era videocollegata
Da sinistra Taisiya Korobetskaya, Damaso Mann, Elisa Cerri. L’artista ucraina Yuliya Tkaqchenko era videocollegata
artiste russe e ucraine
Da sinistra Taisiya Korobetskaya, Damaso Mann, Elisa Cerri. L’artista ucraina Yuliya Tkaqchenko era videocollegata
Da sinistra Taisiya Korobetskaya, Damaso Mann, Elisa Cerri. L’artista ucraina Yuliya Tkaqchenko era videocollegata
artiste russe e ucraine

 

La pace tra Ucraina e Russia si stringe a Fano grazie alle cantanti liriche Yuliya Takachenko (ucraina) e alla collega russa Taisiya Korobetskaya. Le due soprano, entrambe emergenti nel mondo della lirica, saranno protagoniste del concerto di beneficenza organizzato per venerdì 3 giugno, alle 21.15, alla Pinacoteca San Domenico. Con loro la pianista pesarese Elisa Cerri, che da anni collabora con il Rossini Opera Festival. Ospiti della serata anche Diana e Daniella Dvalishivili, originarie di Kharckhiv, che con lo scoppio della guerra, sono arrivate in Italia con la famiglia e adesso vivono a Pesaro e studiano al conservatorio Rossini. Il coro polifonico Cantate Moribus aprirà e concluderà la serata con alcuni brani corali della tradizione popolare russa.

Le artiste, seppure una ucraina e l’altra russa, sono legate da una forte amicizia. "La Russia non è Putin – afferma Taisiya – io dico no alla guerra cantando con una collega ucraina". "Il suo è un gesto di coraggio – commenta Yuliya – lei è una grande persona". "Sarei falsa – conclude Taisiya – se stessi zitta: non posso fare altrimenti per mantenere la mia coscienza pulita". L’iniziativa è promossa da Avsi point Fano-Cartoceto in collaborazione con la Fondazione Cassa di Risparmio di Fano e rientra nel progetto nazionale #HelpUkraine.

L’ingresso al concerto è libero, l’offerta spontanea. I fondi raccolti saranno destinati da Avsi-People for development all’emergenza umanitaria degli sfollati ucraini. "Ogni anno – ha spiegato Damaso Manna, a nome dell’associazione – Avsi promuove libere iniziative di raccolta fondi su tutto il territorio italiano per finanziare alcuni suoi progetti. La campagna 2021-2022 ha per titolo "Lo sviluppo sei tu, il tempo del coraggio". Dall’inizio della guerra in Ucraina Avsi è impegnata nell’emergenza umanitaria legata agli sfollati ucraini, in collaborazione con partner locali, in Polonia, Moldavia e Ucraina".

Anna Marchetti

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?