Fano, 14 maggio 2018 - La Guardia Costiera di Pesaro è stata impegnata, nel pomeriggio in un intervento presso la costa fanese, prossima alla foce del Metauro, conclusosi fortunatamente per i malcapitati con esito positivo. Due persone a bordo di una piccola unità a vela si sono trovate in difficoltà durante la navigazione, bloccati senza poter rientrare a riva, complice anche il repentino peggioramento delle condizioni meteorologiche.

Sul posto si recava per un monitoraggio da terra una pattuglia della Guardia Costiera di Fano per fungere da riferimento ai mezzi nautici inviati in soccorso dalla Sala Operativa della Guardia Costiera di Pesaro e cioè la motovedetta adibita al soccorso CP872 - sempre pronta e di stanza al porto pesarese, ed un gommone della protezione civile - Associazione Enrico Mattei di Fano. All'arrivo dei mezzi nella zona, era pure presente un gommone partito nel frattempo da un Circolo nautico del posto che prendeva a bordo i due componenti l'equipaggio della piccola barca, che aveva le vele in acqua.

I due uomini salvati, una volta giunti a riva, sono stati poi avvicinati dalla pattuglia della Guardia Costiera di Fano che li aveva sempre tenuti a portata visiva da terra e quindi assistiti dal personale del servizio sanitario, avvertito perchè bagnati ed infreddoliti dalle raffiche di vento sopraggiunte.
La Guardia Costiera di Pesaro raccomanda di prestare la massima attenzione e di adottare prudenza consultando, prima della navigazione di qualsiasi tipo, i bollettini meteorologici e gli avvisi ai naviganti e quelli di burrasca, evitando uscite in mare rischiose, verificando la completezza delle dotazioni di salvataggio, e la possibilità di richiedere, con tutti i mezzi di comunicazione utili a disposizione e nel più breve tempo possibile, soccorso in caso di necessità, sia al numero blu 1530 sia via radio, sul canale 16.