Quotidiano Nazionale logo
14 apr 2022

Verso il voto: sei conferme e sei new entry

Rinnovamento a metà per la squadra con cui il sindaco uscente Sebastianelli tenta il bis nella corsa al municipio di Terre Roveresche

Da. sinistra Andreani, Sbrozzi, Patregnani, Sebastianelli e Borsini. Tutti candidati
Da. sinistra Andreani, Sbrozzi, Patregnani, Sebastianelli e Borsini. Tutti candidati
Da. sinistra Andreani, Sbrozzi, Patregnani, Sebastianelli e Borsini. Tutti candidati

di Sandro Franceschetti

Sei conferme e sei volti nuovi per la lista ‘Uniti per Unire Terre Roveresche’ (stesso nome e stesso simbolo del 2017) con cui il sindaco uscente Antonio Sebastianelli cercherà il bis alle elezioni del 12 giugno. Le conferme sono quelle dei quattro assessori in scadenza Claudio Patregnani, Lucia Borsini, Ortensia Sbrozzi e Cristian Andreani e dei consiglieri Luciano Barbetta e Sauro Baldini. Le new entry note, al momento, sono tre: Lorenzo Ascani, operatore museale, residente nel municipio di Orciano; Diego Santini, neolaureato in economia e commercio, impiegato, di San Giorgio; e Filippo Piersanti, imprenditore agricolo di Piagge.

Ancora top secret l’altro tris di nomi, con Sebastianelli che non vuol svelare subito tutte le ‘carte’ e dichiara: "A brevissimo renderemo noti anche questi ultimi candidati, anche perché fra sei giorni, mercoledì 20, alla Sala Due Palme di Barchi (alle 21), cominceremo il nostro percorso di incontri con i cittadini. Intanto, posso assicurare che ognuna delle new entry porterà un importante contributo in termini di visioni e capacità". Sebastianelli aggiunge: "Il nostro gruppo, allargato ad altre persone della società civile, sta lavorando da tempo all’elaborazione di un programma amministrativo che possa dare risposta ai bisogni più impellenti dei cittadini e che sia in grado di contrastare le condizioni di precarietà economica e sociale conseguenti al lungo periodo di emergenza epidemiologica e al recente aumento dei costi energetici. Il nuovo programma, che s’inserisce nella visione a medio e lungo termine di quello presentato 5 anni fa, non è semplicemente un completamento del lavoro fatto nell’ultimo quinquennio, ma un progetto necessario a realizzare la nuova Terre Roveresche dopo il Covid, armonizzando la crescita territoriale con le sfide tecnologiche che si prospettano all’orizzonte in un panorama di sostenibilità economica, sociale ed ambientale. L’idea è quella di creare una Terre Roveresche sempre più semplice, inclusiva, verde, giusta e bella".

Dopo quello del 20 aprile gli incontri coni cittadini più prossimi saranno il 26 al centro intergenerazionale di Piagge, il 29 alla sala polivalente di San Giorgio e il 3 maggio alla sala consiliare di Orciano, sempre alle 21.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?