Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Marotta resta sotto Mondolfo, decide la Consulta

Nuova battuta d’arresto per l’Amministrazione fanese e per Fano Unita che sperano ancora di recuperare quella porzione di territorio

di ANNA MARCHETTI
Ultimo aggiornamento il 12 gennaio 2018 alle 20:29
La piazza Kennedy di Marotta, che segna il confine fra i comuni di Mondolfo e

Marotta (Pesaro Urbino), 12 gennaio 2018 - Marotta rimane con Mondolfo. Nuova battuta d’arresto per l’Amministrazione fanese e per Fano Unita che sperano ancora di recuperare quella porzione di territorio. Sarà dunque la Corte Costituzionale, e non il Consiglio di Stato a doversi esprimere sulla legittimità o meno del referendum del 2016 che ha portato al passaggio di Marotta, da Fano a Mondolfo.


La Corte Costituzionale ha, infatti, dichiarato inammissibile «la questione di legittimità della legge regionale (in base alla quale si è svolto il referendum) sollevata dal Consiglio di Stato».
Consiglio di Stato a cui si era rivolto il Comune di Fano e contro cui aveva agito la Regione per conflitto di interessi. «Quanto sollevato dal Comune di Fano non è stato respinto in quanto infondato - fanno sapere dall’Amministrazione comunale - ma è stato dichiarato inammissibile per un eccesso di potere del Consiglio di Stato e dunque per un mero problema di competenza a giudicare. Questione formale e non sostanziale».

La Corte Costituzionale, infatti, scrive che «non spetta allo Stato, e per lui al Consiglio di Stato, dopo l’entrata in vigore della legge regionale, annullare gli atti del procedimento referendario».
«Sarebbe interessante - commenta Luca Serfilippi, ex assessore della giunta Aguzzi che presentò ricorso al Tar - capire le ragioni per cui il Comune ha deciso di chiedere il parere del Consiglio di Stato e se pensa di continuare a perorare la causa o se, a questo punto, pensa sia meglio lasciare perdere. La nostra giunta aveva investito milioni di euro per realizzare la nuova scuola di Marotta, la farmacia comunale e per potenziare il depuratore di Ponte Sasso sempre a servizio di Marotta. Il Comune di Mondolfo che non sarebbe mai riuscito a realizzare questi investimenti, ora si ritrova con un bel regalo».
 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.