Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Il viaggio in treno di Matteo Renzi, la tappa fanese

Seconda giornata del tour in treno attraverso le Marche. Il viaggio prevede tappe a Osimo, Recanati, Montegranaro, Ascoli e Arquata del Tronto

di ANNA MARCHETTI
Ultimo aggiornamento il 19 ottobre 2017 alle 13:22
Renzi a Fano

Fano 18 ottobre 2017 -  Il Museo della Flaminia, i grandi risultati della facoltà di Biotecnologie e l'esperienza del co-working fanese: così la città si è presentata al segretario nazionale del Pd Matteo Renzi, in viaggio per l'Italia con il treno 'Destinazione Italia' che, ieri mattina, ha fatto tappa nella città della Fortuna.

Il sindaco Massimo Seri non ha perso l'occasione per parlare a Renzi del prossimo recupero del teatro romano di via De Amicis per il quale serviranno, una volta acquisita la proprietà da parte del Comune, almeno 5 milioni di euro. Il primo cittadino ha anche elencato tutte le opportunità colte da Fano (bonifica dell'amianto e lavori nelle scuole) offerte agli enti locali dal governo Renzi a seguito dell'allentamento del Patto di stabilità.

Il segretario del Pd ha ringraziato Fano per come ha risposto agli stimoli dei mille giorni di governo e ha rinnovato il suo impegno a incontrare gli studenti dell'istituto Padalino, la prima scuola fanese ristrutturata grazie alla Buona scuola: "O convinco Paolo (Gentiloni ndr) o si vedrà". La visita era saltata a seguito del primo attentato a Parigi, quando Renzi era presidente del Consiglio.

In verità il segretario nazionale del Pd è arrivato in città nella tarda serata di martedì, accolto in stazione dal gotha del partito locale, ha alloggiato al Tag hotel a Bellocchi e questa mattina si è presentato in auto di fronte all'Arco d'Augusto. Pochi passi per salutare e stringere qualche mano e ricevere qualche incitazione del tipo "bravo Matteo" e "Forza Matteo", poi la visita al museo virtuale della Flaminia accolto, nel ruolo di "guida", dal coordinatore scientifico del Centro Studi Vitruviani Paolo Clini. Renzi ha definito «straordinario» il risultato degli 80 mila accessi registrati dal museo nel corso dell'anno.

Poi il trasferimento, seguito da giornalisti, fotografi e telecamere, nel confinante Palazzo San Michele dove il magnifico rettore dell'Università di Urbino Vilberto Stocchi e il direttore della facoltà di Biotecnologie Mauro Magnani, che ha sede proprio a Palazzo San Michele, hanno illustrato gli straordinari risultati dell'ateneo e quelli di Biotecnologie che ha dato vita a ben tre start app di successo.

Il rettore, però, ha anche posto l'accento sulle difficoltà dei ricercatori italiani, perché numericamente inferiori, rispetto ai colleghi degli altri paesi europei come Germania, Francia e Regno Unito. Matteo Renzi è stato accolto a Fano dalla deputata Alessia Morani, dal presidente della Regione Luca Ceriscioli, dal vice presidente del Consiglio regionale Renato Claudio Minardi, dal segretario provinciale Giovanni Gostoli, quello fanese Ignazio Pucci, dal sindaco di Fano Seri e dal sindaco di Pesaro Matteo Ricci, oltre naturalmente ad assessori, consiglieri comunali ed esponenti di partito. Ricci e Morani sono poi saliti con Renzi sul treno 'Destinazione Italia', alla volta di Osimo, Recanati, Montegranaro, Ascoli e Arquata del Tronto.

 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.