Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Secondo oro per Giuseppe Ottaviani a 102 anni

Nuona impresa ai campionati del mondo di atletica leggera master in svolgimento a Malaga

di SANDRO FRANCESCHETTI
Ultimo aggiornamento il 12 settembre 2018 alle 20:29
Giuseppe Ottaviani con al collo le due medaglie d'oro conquistate ai mondiali di atletica

Sant'Ippolito (Pesaro Urbino), 12 settembre 2018 - Seconda gara e secondo oro per Giuseppe Ottaviani ai campionati del mondo di atletica leggera master in svolgimento a Malaga, in Andalusia. Dopo aver conquistato il titolo iridato nel salto in lungo martedì, l’ultracentenario di Sant’Ippolito (è nato il 20 maggio 1916) si è ripetuto oggi nel triplo. E lo ha fatto con una misura che ha dello sbalorditivo: 2 metri e 23 centimetri, superiore di 5 centimetri rispetto a quella con cui aveva vinto nella categoria M 100+ agli europei indoor disputatisi a Madrid nel marzo scorso. Insomma, a distanza di 6 mesi, che quando in fatto di anni si è in tripla cifra non sono certo un lasso di tempo trascurabile, il nonnino sprint si è addirittura migliorato.

E i record del mitico Peppe non finiscono qui, perché siamo di fronte al primo atleta della storia mondiale ad aver gareggiato a 102 anni compiuti nel salto triplo e attualmente si tratta del solo ultracentenario ad affrontare questa prova che richiede muscoli e ossa ben in forma. “Missione compiuta – ha commentato il diretto interessato poco dopo la sua performance agonistica -, ecco il secondo oro. Giovani, l’asticella è ancora più in alto”. Chapeau ad un atleta che nell’ambiente master e non solo è ormai un idolo in diverse latitudini planetarie.

 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.