Fano (Pesaro e Urbino), 28 aprile 2018 - “Non chi comincia, ma quel che persevera” è lo slogan della polisportiva Apsd Sport Benessere e Salute Mentale nata a Fano nel 2013 e coordinata dall’ideatore dr Umberto Battista coadiuvato dai cofondatori Andrea Farnese ed Enrico Ridolfi esperti nel campo della fisiologia umana applicata alla prestazione fisica. Un team fortunato che festeggia in questi giorni la convocazione del proprio atleta Matteo Vitali alla prossima Team World Cup 2018 “Crazy for Football” in programma a Roma dal 13 al 16 maggio con il patrocinio del Coni e della FIGC in collaborazione con la Lnd– Divisione Calcio a 5. E' quindi fanese il portierone della nazionale italiana al mondiale di calcio a 5 che è una vera e propria terapia psichiatrica.

Il nuovo portiere della Nazionale Italiana Matteo Vitali da cinque anni si allena con continuità e perseveranza tre volte alle settimana con i suoi compagni di squadra presso la struttura sportiva del seminario di Fano ubicata nel quartiere di San Cristoforo.  Matteo è un ragazzo onesto e sincero che ama la sport e la vita in generale. Nel suo passato trascorsi di fragilità psichica che riesce a contenere con il supporto psicologico del dipartimento di salute mentale di Fano ed in particolare attraverso la pratica dell’attività fisica. Negli ultimi anni non ha subito più nessun ricovero ed ha perso ben cinquanta chili fino ad arrivare a conquistare il suo peso forma di settantacinque chili che gli permette di essere estremamente abile tra i pali.

L’atleta azzurro vanta la vittoria di tre coppe disciplina, tre finali di Coppa Marche e il traguardo dei play off raggiunto nella stagione 2016/2017 partecipando al campionato di serie D di calcio a 5 della provincia di Pesaro Urbino da sempre frequentato per storicità da atleti unicamente normodotati. In campo a Roma ora il problema sarà uno solo: parare i tiri degli avversari che arriveranno da ogni parte del mondo pur di aggiudicarsi la prestigiosa Dream World Cup. E’ prevista la partecipazione di 20 nazionali compreso il Giappone già campione del mondo in occasione della prima edizione “Crazy For Football”.

Umberto Battista, personal coach di Matteo Vitali intravvede la possibilità che la Nazionale Italiana possa conquistare la finale il 16 maggio a Roma, potendo contare sul portiere della Apsd Sbsm attualmente persino impegnato con il coach Enrico Ridolfi anche sul tatami di Judo per affinare i suoi riflessi e temprare la mente per arrivare al top della forma al prossimo appuntamento internazionale della capitale.

L'Apsd Sport Benessere e Salute Mentale promuove su Facebook una raccolta fondi per sponsorizzare le spese di partecipazione al mondiale di Matteo Vitali. Il ricavato della raccolta fondi servirà a garantire le trasferte a Roma per la preparazione dell’atleta supportato dal suo team tecnico formato da 5 accompagnatori specializzati (tre allenatori, uno psicologo e un medico). Le donazioni acquisite serviranno a coprire le spese di viaggio, vitto e alloggio di tutto il team, nonché l'acquisto di attrezzature e abbigliamento per rappresentare al meglio Matteo Vitali nella sua avventura con la Nazionale Italiana. Altra spesa fondamentale riguarderà l'acquisto di due paia di occhiali da gara graduati e gommati che Matteo potrà indossare durante tutti gli allenamenti e le gare del mondiale. Matteo e l'associazione, sono stati accolti questa mattina nella sala del Consiglio Comunale dal Sindaco Massimo Seri, dal Presidente del Consiglio Rosetta Fulvi e dagli assessori Caterina del Bianco e Marina Bargnesi, i quali gli hanno consegnato un porta fortuna a nome della città.