Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Villa in Vita 2018, Antonio Rezza e Flavia Mastrella aprono il Festival

Lo spettacolo Anelante è in programma il 13 luglio a Villa Vitali

Ultimo aggiornamento il 10 luglio 2018 alle 18:38
Rezza e Mastrella inaugurano "Villa in Vita. Fermo Festival" con Anelante

Fermo, 10 luglio 2018 – Conto alla rovescia per la terza edizione di Villa in Vita. Fermo Festival. Sarà il bellissimo parco centenario di Villa Vitali ad ospitare da venerdì alle 21.30 la manifestazione promossa dal Comune di Fermo e dall’Amat. L’apertura è affidata ad Anelante di Antonio Rezza e Flavia Mastrella, Leoni d’oro alla carriera alla Biennale di Venezia. I due calcano le scene dall’87, l’uno performer-autore e l’altra artista autrice, sempre firmando a quattro mani l’ideazione e il progetto artistico degli spettacoli, che hanno raggiunto un pubblico ampio e soprattutto trasversale. Rezza è “l’artista che fonde totalmente, in un solo corpo, le due distinzioni di attore e performer; Mastrella è l’artista che crea habitat e spazi scenici che sono forme d’arte. Da questo connubio sono nati spettacoli assolutamente innovativi.

L’Anelante del titolo vive confinato tra le muraglie, chiuso nel suo recinto pretende di conoscere il mondo ma lo fa semplicemente per non accorgersi della “vuotezza” che gli riempie la vita.
“In uno spazio privo di volume – scrivono Mastrella e Rezza –, il muro piatto chiude alla vista la carne rituale che esplode e si ribella. Non c’è dialogo per chi si parla sotto. Un matematico scrive a voce alta, un lettore parla mentre legge e non capisce ciò che legge ma solo ciò che dice. Con la saggezza senile l’adolescente, completamente in contrasto col buon senso, sguazza nel recinto circondato dalle cospirazioni. Spia, senza essere visto, personaggi che in piena vita si lasciano trasportare dagli eventi, perdizione e delirio lungo il muro. Il silenzio della morte contro l’oratoria patologica, un contrasto tra rumori, graffi e parole risonanti. Il suono stravolge il rimasuglio di un concetto e lo depaupera. Spazio alla logorrea, dissenteria della bocca in avaria, scarico intestinale dalla parte meno congeniale”.

Nello spettacolo assieme a Rezza ci sono Ivan Bellavista, Manolo Muoio, Chiara A. Perrini, Enzo Di Norscia. Assistente alla creazione Massimo Camilli, disegno luci Mattia Vigo rielaborato da Daria Grispino, una produzione RezzaMastrella -Fondazione TPE, TSI La Fabbrica dell’Attore Teatro Vascello. Informazioni: bigliettera Teatro dell’Aquila 0734 284295, la sera di spettacolo dalle ore 20 biglietteria a Villa Vitali  0734 226166.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.