Un tratto dell’autostrada con i tir incolonnati: una scena ormai quotidiana
Un tratto dell’autostrada con i tir incolonnati: una scena ormai quotidiana

Fermo, 5 luglio 2020 - "Probabilmente nella giornata di lunedì (domani; ndr), ma ne darò effettiva conferma, sarà depositata istanza di dissequestro delle barriere dei due viadotti autostradali di Marche sud rimasti a corsia unica: il Vallescura è quello che ci riguarda maggiormente". Il sindaco Calcinaro annuncia una novità molto attesa sul fronte della viabilità in A14.

Lo fa in una giornata in cui si sono succedute le polemiche politiche sulla questione lavori, corsie chiuse e code infinite. "Chilometri di code e rallentamenti interminabili in A14 e di riflesso sulla Statale Adriatica – tuona Jessica Marcozzi, capogruppo in Regione di Forza Italia – con un danno incalcolabile per il commercio, l’economia, il turismo e l’ambiente del Fermano. La situazione è inaccettabile. Come ampiamente prevedibile un altro week end è già stato condizionato dai lavori e dalle restrizioni al traffico in A14. Interventi che stanno creando e alimentando lunghe code e rallentamenti tra Porto Sant’Elpidio e Porto San Giorgio. Con migliaia di automobilisti bloccati nel traffico e un territorio divenuto il nodo d’Italia. Dinanzi a questa surreale situazione l’Amministrazione regionale che fa? Nulla. Solo qualche lettera al Ministero per sollecitare la risoluzione del problema. Pensano che basti".

La Marcozzi aggiunge che "noi siamo pronti ad azioni forti, anche manifestazioni di protesta contro la Regione se chi guida le Marche non sarà in grado di far adottare dei provvedimenti risolutivi".Anche Andrea Putzu, responsabile nazionale FdI piccoli Comuni, interviene sulla questione. "Fa davvero rabbia assistere alla disastrosa situazione del traffico autostradale in A14, tra la zona centro-sud delle Marche e l’Abruzzo – dice il rappresentante di Fratelli d’Italia –. Anche il senatore del Pd Francesco Verducci ha preso posizione, ha chiesto che governo e Autostrade per l’Italia intervengano immediatamente ed ha presentato un’interrogazione urgente alla ministra delle infrastrutture De Micheli. Dice Verducci che la situazione è inaccettabile, che il danno d’immagine per la nostra Regione, e quello economico per migliaia di imprese, rischia di essere incalcolabile. Verducci avrebbe anche ragione, se non fosse che sta al governo ed interroga un ministro del suo stesso partito".