Quotidiano Nazionale logo
27 apr 2022

Aggredisce coetaneo: identificato

Pugni, schiaffi e anche un coltellino: la fuga del giovane è durata poco

Gli uomini della stazione carabinieri di Fermo sono riusciti a dare un volto ad un 19enne che, l’altro pomeriggio, ha aggredito un suo coetaneo fermano con l’utilizzo di un coltellino, per poi darsi alla fuga. Insomma il giallo è durato poco e l’agressore identificato in poco tempo grazie alle tempestive e mirate indagini condotte dagli uomini dell’Arma. Il pestaggio si è verificato a Fermo dove, per futili motivi, un ragazzo ha aggredito un altro giovane, colpendolo con pugni e schiaffi, minacciandolo anche con un coltellino che poi ha perso sul posto, prima di darsi alla fuga. La vittima dell’aggressione, dopo aver avvisato immediatamente i carabinieri, è stato trasportato al pronto soccorso dove è stato medicato e dove gli è stato riscontrato un lieve trauma toracico, oltre ad alcune ecchimosi su varie parti del corpo, per poi essere giudicato guaribile con un prognosi di 10 giorni. Sul posto sono immediatamente intervenuti anche gli uomini della sezione Radiomobile di Fermo che, nel corso degli accertamenti hanno subito recuperato il coltellino utilizzato per minacciare la vittima, ponendolo sotto sequestro.

Dopo le cure, il giovane fermano si è presentato presso gli uffici della stazione carabinieri di Fermo dove ha sporto la querela, dichiarando che l’aggressione era avvenuta per futili motivi da parte di un ragazzo che conosceva soltanto di vista.

Gli uomini dell’Arma, dopo aver raccolto la denuncia, si sono messi immediatamente all’opera e, grazie alle informazioni fornite dalla vittima e alla visione dei filmati di alcune telecamere di videosorveglianza installate in città, sono riusciti in poche ore ad individuare l’aggressore, identificandolo in un ragazzo di nazionalità marocchina che al termine degli accertamenti, è stato denunciato alla Procura della Repubblica di Fermo per lesioni aggravate, minacce, e porto ingiustificato di oggetti idonei all’offesa.

f.c.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?