Fermo, 3 settembre 2018 - Si sono finte amiche di famiglia e, mentre una distraeva la padrona di casa, l’altra ha svaligiato l’abitazione. E’ accaduto in via Andrea Baccio in pieno giorno e vittima di due giovani ladre è stata un’anziana del posto. In mattinata due donne intorno ai 30 anni, ben vestite e all’apparenza distinte, hanno chiamato la vittima, che in quel momento era affacciata al balcone.

Mostrando familiarità e spacciandosi per amiche, hanno convinto l’anziana a scendere e ad aprire la porta: una l’ha abbracciata calorosamente e l’altra, senza che nessuno se ne accorgesse, si è intrufolata in casa. Mentre la complice continuava la sua manovra d’aggiramento, l’altra ha potuto agire indisturbata e girare per le stanze dell’abitazione alla ricerca di qualcosa da rubare.

Una volta trovati denaro e monili, entrambe si sono allontanate con un scusa, lasciando sola l’anziana, che si è accorta troppo tardi di essere stata derubata. “Nonostante io sia sempre molto attenta – racconta la vittima – mi hanno raggirata come una bambina. Ero tranquilla in balcone e mi hanno colto alla sprovvista. Poi quelle due donne erano così convincenti e ben vestite, che sembravano tutto tranne che delle malfattrici. Ma il particolare che più mi ha tratto in inganno è che mi hanno chiamato per nome due volte. La rabbia che provo per essermi fatta raggirare così è inimmaginabile”.

L’anziana resasi conto del furto, ha chiesto aiuto ad un agente privato che stava passando in strada, quindi si è rivolta ai carabinieri.