Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Fermo, anziana truffata e derubata in casa. Rubati soldi e gioielli

In due hanno finto di conoscerla quando l’hanno vista sul balcone

Ultimo aggiornamento il 3 settembre 2018 alle 07:49
Alla donna sono stati rubati soldi e gioielli (Foto d’archivio)

Fermo, 3 settembre 2018 - Si sono finte amiche di famiglia e, mentre una distraeva la padrona di casa, l’altra ha svaligiato l’abitazione. E’ accaduto in via Andrea Baccio in pieno giorno e vittima di due giovani ladre è stata un’anziana del posto. In mattinata due donne intorno ai 30 anni, ben vestite e all’apparenza distinte, hanno chiamato la vittima, che in quel momento era affacciata al balcone.

Mostrando familiarità e spacciandosi per amiche, hanno convinto l’anziana a scendere e ad aprire la porta: una l’ha abbracciata calorosamente e l’altra, senza che nessuno se ne accorgesse, si è intrufolata in casa. Mentre la complice continuava la sua manovra d’aggiramento, l’altra ha potuto agire indisturbata e girare per le stanze dell’abitazione alla ricerca di qualcosa da rubare.

Una volta trovati denaro e monili, entrambe si sono allontanate con un scusa, lasciando sola l’anziana, che si è accorta troppo tardi di essere stata derubata. “Nonostante io sia sempre molto attenta – racconta la vittima – mi hanno raggirata come una bambina. Ero tranquilla in balcone e mi hanno colto alla sprovvista. Poi quelle due donne erano così convincenti e ben vestite, che sembravano tutto tranne che delle malfattrici. Ma il particolare che più mi ha tratto in inganno è che mi hanno chiamato per nome due volte. La rabbia che provo per essermi fatta raggirare così è inimmaginabile”.

L’anziana resasi conto del furto, ha chiesto aiuto ad un agente privato che stava passando in strada, quindi si è rivolta ai carabinieri.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.