Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
10 giu 2022

Di Venanzi: "Vogliamo sapere tempi di riattivazione e servizi sanitari previsti"

10 giu 2022

"Abbiamo il diritto di sapere i tempi di riattivazione e i servizi sanitari previsti per l’area montana ". Questo l’elemento cardine intorno a cui ruotano le riflessioni di Luisa Di Venanzi, presidente del Comitato per la difesa della salute dei Sibillini, che torna a sollecitare il governo regionale sulla difficile situazione che la popolazione delle aree interne sta affrontando. "A distanza di quasi 2 anni dal cambio amministrativo regionale e 6 anni dalla prima scossa di terremoto – spiega Di Venanzi - continuiamo ad essere costretti ad un nomadismo sanitario. Ci viene risposto che manca il personale medico e paramedico. Allora perché il altre regioni limitrofe il sistema funziona? Ci sorge il dubbio che vi siano altre intenzioni, legate alla privatizzazione della lacunosa sanità pubblica, resa tale da scellerati tagli pregressi. A riprova di ciò continuano ad arrivare le Cooperative private nei rari pronto soccorso rimasti, mentre la nuova Giunta regionale appare ormai chiaro, non intende ripristinare i 13 ospedali chiusi nel 2015, nonostante le solenni promesse pre-elettorali. Gli intasamenti, nei rari ospedali rimasti, sono una delle cause della fuga dei medici, tra l’altro preparati con costi notevoli, a carico della collettività. La soluzione, di tale situazione la riapertura degli ospedali chiusi con personale adeguato. Promuove le Case della Salute guidate da medici di famiglia con l’aiuto di tablet, questa sarebbe la medicina territoriale, ha senso solo se a supporto di ospedali funzionanti".

a.c.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?