Fedeli contro il taglio delle tamerici: "Uno scempio per fare parcheggi"

Il giudice di pace interviene a gamba tesa sulla questione. Intanto oggi si aprono. i lavori sul lungomare.

Fedeli contro il taglio delle tamerici: "Uno scempio per fare parcheggi"

Fedeli contro il taglio delle tamerici: "Uno scempio per fare parcheggi"

Anche il giudice di pace del tribunale di Fermo, avvocato Giuseppe Fedeli, interviene per manifestare lo sconcerto per il fatto che l’amministrazione comunale intenda abbattere le tamerici , site sul lungomare sud: "che adornano il nostro litorale. Fra le peculiarità di tale specie arborea - spiega – c’è la sudorazione, sotto forma di liquido chiaro ed estremamente salato, la quale durante il giorno ed in assenza di vento (che ne favorirebbe l’evaporazione) genera una sorta di “pioggerella”; e il suo crescere inclinato per via del vento, che tuttavia la pianta riesce a sopportare". Detto questo e senza voler muovere accuse nei confronti di chicchessia, come cittadino di questo Paese osserva che esso di “Giardino del Mediterraneo” conserva ben poco e si chiede quale sia mai l’interesse, a cui sacrificare una varietà vegetale -peraltro di grande suggestione visiva-. Interesse che dovrebbe essere utile per la collettività, più di quanto non lo siano dal punto di vista paesaggistico le tamerici. E invece no: vengo a conoscenza che l’abbattimento di queste specie arboree è dovuto alla necessità di realizzare dei parcheggi, dove appunto vivono questi stupendi esemplari. Scempio (giustificato?... ne dubito fortemente), per cui mi limito a ricordare i versi della poesia che parla di questo albero così bello quanto umile, dalle braccia esili piangenti, che Gabriele D’Annunzio, l’esteta per eccellenza, celebra ne “La pioggia nel pineto”: "Ascolta. Piovedalle nuvole sparse.Piove su le tamericisalmastre ed arse(...)." Ma, si sa, alla bellezza non siamo più abituati.

Avranno inizio questa mattina i lavori di riqualificazione del lungomare Gramsci primo stralcio zona sud. Intanto per lo svolgimento dei lavori in sicurezza disposta l’ordinanza: dalle ore 7 di questa mattina il divieto di transito e di sosta con rimozione forzata sul lato est della corsia est del lungomare Gramsci nel tratto compreso tra via Rossini e via Donizetti; la istituzione dell’obbligo di fermarsi e dare la precedenza (stop) in via Gramsci all’intersezione con via Rossini per i veicoli provenienti da sud dello stesso lungomare percorrenti la corsia est.