Fermo guida l’export di calzature Made in Marche

Le esportazioni di calzature Made in Marche registrano un lieve incremento nel terzo trimestre del 2023, con un ammontare complessivo di 1.086,72 milioni di euro, +4,3% rispetto all'anno precedente. Fermo e Macerata sono le province trainanti.

Lieve incremento delle esportazioni di calzature Made in Marche. Secondo i dati diffusi ieri in occasione del Micam e aggiornati al terzo trimestre del 2023 l’ammontare complessivo delle esportazioni regionali è stato pari a 1.086,72 milioni di euro contro i 1.042,01 milioni di euro dello stesso periodo del precedente anno. L’incremento in termini percentuali è stato pari a +4,3%. Rispetto alla situazione pre-covid quando l’ammontare delle esportazioni è stato pari a 1.021,86 milioni di euro l’incremento si attesta a +6,3%. La provincia che ha fatto registrare l’ammontare delle vendite oltre confine più consistente è stata quella di Fermo pari a 551,81 milioni di euro contro i 518,16 milioni di euro dello stesso periodo del precedente anno. L’incremento in termini percentuali è stato quindi pari a +6,5%. Le esportazioni delle aziende calzaturiere del fermano rappresentano oltre la metà di quelle registrate nella regione pari al 50,8%. Nell’altra provincia marchigiana con una considerevole propensione alle esportazioni calzaturiere come quella di Macerata le vendite oltreconfine hanno fatto registrare un ammontare complessivo pari a 347,57 milioni di euro contro i 323,19 milioni di euro del precedente anno con un aumento pari a +7,5%. v. b.