Quotidiano Nazionale logo
12 mag 2022

Ferrovia e A14 Poche idee dai candidati

Il confronto è stato organizzato dalla Fondazione San Giacomo della Marca

Da sinistra Francesco Gramegna e Valerio Vesprini
Da sinistra Francesco Gramegna e Valerio Vesprini
Da sinistra Francesco Gramegna e Valerio Vesprini

"Ferrovia e autostrada arretramento necessario per la sostenibilità", è l’assunto su cui il presidente della Fondazione San Giacomo della Marca, Massimo Valentini, ha chiamato a confrontarsi i candidati sindaci, Francesco Gramegna centrosinistra e Valerio Vesprini centrodestra. Un confronto che doveva tenersi a piazza Bambinopoli ma che a causa della pioggia è stato trasferito nella sala Imperatori. Era il primo vis-à-vis fra i due ex ’amici assessori’ che, usciti dalla stessa giunta e approdati su sponde opposte, da esse si contendono il governo della città. Dal confronto non è emerso nulla di particolarmente nuovo. I due candidati hanno mostrato di conoscere la materia pur non possedendola forse del tutto. Ragionamenti apparsi un po’ superficiali i loro specie se confrontati con quelli della lunga e dotta introduzione effettuata dal presidente della Fondazione, il quale da diversi mesi e ad ogni livello sta battendo il chiodo dell’assoluta necessità dell’arretramento di ferrovia e A14 per ridare aria alla costa e vita all’entroterra: "Chi può essere favorevole all’arretramento dei treni più di me che vivendo a ridosso della ferrovia ogni volta che transita un convoglio balliamo come per un terremoto", ha evidenziato Gramegna dichiarandosi favorevole anche all’arretramento dell’A14 perché restando così le cose Porto San Giorgio è soffocata dal traffico e dallo smog stretta nella morsa di ferrovia, strada statale e la stessa A14. Quindi, dopo aver ricordato l’unanimità con cui il Consiglio comunale bloccò a suo tempo la realizzazione della terza corsia da Porto Sant’Elpidio a Pedaso allargando l’attuale tracciato dell’A14, ha affermato che grazie a quella determinazione Porto San Giorgio ora può sedere al tavolo delle decisioni e che solo operando tutti insieme si può risolvere pure il problema dell’arretramento. Vesprini ha sviluppato discorsi analoghi. In particolare ha ringraziato la fondazione San Giacomo della Marca per aver "Acceso la luce" su una questione di fondamentale importanza qual è l’arretramento di ferrovia e A14, coinvolgendo anche dei sindaci che si sono stretti in una comunità per difendere un intero territorio che sta soffrendo la mancanza di adeguate vie di comunicazione: "Per la ferrovia – ha specificato – è difficile essere contrari all’ipotesi di arretramento. Avevo letto una proposta di un suo interramento. Noi siamo favorevoli a tutte e due le opzioni". Fine del confronto. È terminato sostanzialmente alla pari, ma ad entrambi il voto è di sufficienza. Non di più.

Silvio Sebastiani

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?