Guerra, influencer e tv. È scattato il toto-tracce

Altri papabili la diffusione dell’intelligenza artificiale, il divorzio e Oppenheimer

Guerra, influencer e tv. È scattato il toto-tracce

Guerra, influencer e tv. È scattato il toto-tracce

Nelle Marche sono 13.624 gli studenti che stanno per affrontare l’esame di Stato conclusivo del secondo ciclo di istruzione, ovvero alla fine delle scuole superiori: 4.104 quelli della provincia di Ancona, 3.442 quelli delle province di Ascoli e Fermo, 3.122 per la provincia di Pesaro Urbino e 2.956 quelli della provincia di Macerata. I candidati interni (sempre a livello regionale) sono 13.414, gli esterni 210. Coinvolte 714 classi, 360 commissioni d’esame e 212 sedi. Nelle province di Ascoli e Fermo, ad esempio, le classi interessate sono 181. Nel corso degli ultimi anni, il format della maturità è cambiato spesso. Ora sono previste due prove scritte a carattere nazionale e un colloquio orale. Le commissioni sono composte da commissari interni ed esterni e presiedute da un presidente esterno. Domani (mercoledì 19 giugno) si svolgerà la prima prova scritta, quella di italiano, comune a tutti gli indirizzi di studio. Il giorno dopo, giovedì 20 giugno, sarà la volta della seconda prova scritta, relativa alle discipline caratterizzanti il percorso di studio. Il colloquio orale chiuderà l’esame. In merito alla prova di italiano, è già scattato il tototema: dal conflitto israelo-palestinese ai 70 anni della televisione italiana, dalla diffusione dell’intelligenza artificiale ai 50 anni trascorsi dal referendum sul divorzio. Possibile, poi, anche una traccia sulla crisi degli influencer, così come un tema incentrato sulle Olimpiadi. Infine, occhio anche ai 120 anni dalla nascita di Robert Oppenheimer, fisico americano e figlio di un immigrato tedesco, cui è stato dedicato anche il recente kolossal di Christopher Nolan.

Matteo Porfiri