MARISA COLIBAZZI
Cronaca

In fiamme un cumulo di rifiuti Si ustiona per spegnere l’incendio

Paura per il proprietario di un edificio lungo la Statale a Porto Sant’Elpidio. L’uomo è intervenuto perché temeva che il rogo arrivasse al vicino campo di grano: soccorso, è stato portato a Torrette.

In fiamme un cumulo di rifiuti  Si ustiona per spegnere l’incendio

In fiamme un cumulo di rifiuti Si ustiona per spegnere l’incendio

di Marisa Colibazzi

È stato trasferito in eliambulanza agli ospedali riuniti di Ancona, il 65enne, proprietario dell’edificio lungo la Statale, in via Cavour a Porto Sant’Elpidio, nella cui parte posteriore, ieri, intorno alle 14, ha preso fuoco un cumulo di rifiuti posto a ridosso della recinzione. L’uomo, vedendo che le fiamme, spinte dal vento forte che spirava ieri, stavano aggredendo il vicino campo di grano, nell’intento di evitare che si propagassero ulteriormente, non ha esitato un attimo.

È sceso nel piazzale per cercare di spegnere l’incendio, in attesa dell’arrivo dei vigili del fuoco di Fermo, subito giunti sul posto insieme ai colleghi di Macerata. Senonché, nel momento in cui si è avvicinato al cumulo di rifiuti in fiamme, il 65enne deve essere stato investito da una fiammata di ritorno che lo ha colpito in pieno, procurandogli ustioni di secondo grado sul viso, al collo, sul torace, su braccia e mani. Altre persone accorse, vedendo le sue condizioni, hanno avvertito la Croce Verde, i cui militi hanno trovato l’uomo (che non aveva perso conoscenza) seduto sotto un gazebo.

Sono scattate le operazioni di soccorso e, considerate le ustioni che aveva riportato il 65enne, i militi hanno allertato l’eliambulanza, (atterrata vicino al campo di calcio ‘Berdini’) per un trasferimento del ferito a Torrette. L’incendio sarebbe partito, per cause che dovranno essere accertate, da un mucchio di rifiuti, proprio dietro l’edificio. Il vento ha fatto il resto, spingendo le fiamme verso il campo, bruciandone una porzione piuttosto ampia.

Spento l’incendio, i vigili del fuoco e i carabinieri (anch’essi sul posto) hanno effettuato i rilievi del caso per risalire all’origine del rogo, se dolosa o se frutto di una drammatica casualità. Sul posto, anche l’assessore comunale alla sicurezza, Enzo Farina. "Nell’arco di pochi giorni, – ha sottolineato Farina – questo è il secondo incendio di un campo di grano, a cui si sono aggiunte due auto andate a fuoco. Fortunatamente non ci sono state conseguenze per le persone e, anche in questo caso, le condizioni del 65enne, non sembrano destare preoccupazioni. Speriamo per il meglio per lui e, soprattutto, che non ci siano altri episodi del genere".