L'intervento dei vigili del fuoco nel tragico incendio
L'intervento dei vigili del fuoco nel tragico incendio

Servigliano (Fermo), 8 gennaio 2020 - Un tragico incendio scuote la comunità di Servigliano, nella notte perde la vita una bambina di 6 anni a causa delle esalazioni di fumo. L'incendio stando ad una prima ricostruzione dei fatti si è innescato intorno alle 3 di questa mattina in un piccolo appartamento di circa 50 metri quadrati sito in via Circonvallazione Clementina, proprio all'ingresso del centro storico di Servigliano.

Leggi anche La madre: "Sono corsa da lei, ma il calore mi ustionava"

false

Sono ancora in fase di accertamento le cause che hanno fatto sprigionare le fiamme, anche se dalle prime analisi, sembra si tratti dei locali cucina. I proprietari di casa, una famiglia di originaria dell'est Europa da anni in Italia, appena si sono resi conto di quanto stava accadendo, hanno lanciato l'allarme cercando di mettersi in salvo. Purtroppo una bambina di 6 anni rimasta bloccata nell'appartamento è deceduta a causa delle esalazioni di fumo, mentre la mamma e la sorella di quattro anni sono riuscite a mettersi in salvo.

Leggi anche Servigliano adotta la famiglia

Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco di Fermo con tre equipaggi, i sanitari del 118 di Montegiorgio, i volontari della Croce Azzurra di Santa Vittoria in Matenano i carabinieri della Compagnia di Montegiorgio guidati dal capitano Massimo Canale e il comandante provinciale Antonio Marinucci. I vigili del fuoco si sono fatti largo con coraggio fra le fiamme per cercare di trarre in salvo la piccola, rimasta all'interno dei locali, che poi è stata affidata alle cure dei medici, che purtroppo non hanno potuto fare altro che accertarne il decesso. In pochi minuti l'incendio è stato domato. Mamma e la figlia scampate al devastante incendio, sono state trasferite al pronto soccorso di Fermo per accertamenti. L'appartamento è stato messo sotto sequestro per consentire lo svolgimento delle indagini in attesa dell'arrivo del magistrato. 

Si era trasferita lo scorso settembre a Servigliano nell'appartamento di Circonvallazione Clementina 138, la famiglia originaria del Kosovo nella cui abitazione si è sviluppato l'incendio costato la vita alla bimba di sei anni. Nella casa la vittima viveva con la sorellina più piccola, nata nel 2015, il padre, 40enne, operaio in una ditta edile, e la mamma, casalinga, poco più giovane. Al momento del rogo la madre si è svegliata sentendo un odore acre ed è riuscita a portare fuori solo la più piccola delle bimbe, nate in Italia, tra Marche e Abruzzo, senza poi riuscire a rientrare per salvare anche l'altra.