Inquinamento, le indagini integrative al via

Avviate le indagini per verificare l'inquinamento dell'area ex Fim a Porto Sant'Elpidio. Coinvolti amministratori, esperti e laboratori. Prossima fase: sabbiatura dei campi di prova.

Inquinamento, le  indagini  integrative al via

Inquinamento, le indagini integrative al via

Impegno rispettato: ieri mattina, sono state avviate le indagini integrative per verificare il grado di inquinamento della della ‘cattedrale’ dell’area ex Fim, alla presenza degli amministratori comunali, a partire dal sindaco Massimiliano Ciarpella, della proprietà Fim srl, di esponenti della Soprintendenza, della Politecnica delle Marche, dell’Arpam, dell’Ast di Fermo, del laboratorio di analisi Ecocontrol e, non ultimo, dell’impresa Papa, esecutrice materiale dei sondaggi e campionamenti. Come da cronoprogramma, tra circa un mese si effettuerà la seconda fase delle indagini, con la sabbiatura sui campi di prova. Intanto, in contraddittorio con l’Arpam sono stati individuati tutti i punti prelievo dei materiali da analizzare sia all’interno che all’esterno della struttura, ad un’altezza di 1,5 e 10 metri dal suolo. Come stabilito in sede di tavolo tecnico e come concordato tra le parti, i campionamenti saranno consegnati e conservati, alla presenza dei tecnici Arpam, al laboratorio individuato per gli approfondimenti. In mattinata, inoltre, sono stati effettuati i primi prelievi campione: le operazioni sono proseguite nel pomeriggio e proseguiranno anche nei prossimi giorni. "I lavori per questi ulteriori sondaggi sono stati avviati come previsto. Una volta completate le indagini integrative – è stato il commento del sindaco Ciarpella - potremo avere un quadro aggiornato e dettagliato sui livelli di inquinamento della ‘cattedrale’. Questo ci consentirà di poter riconvocare la Conferenza dei Servizi e, in quella sede, valutare le eventuali variazioni al progetto di bonifica".