Quotidiano Nazionale logo
21 apr 2022

La Russia non paga, appello al Governo

Il presidente reggente di Confindustria si rivolge alla politica: "Cambiare il parametro delle sanzioni decise dall’Unione Europea"

Il sistema economico del fermano è molto interessato al mercato russo
Il sistema economico del fermano è molto interessato al mercato russo
Il sistema economico del fermano è molto interessato al mercato russo

Fare chiarezza sulle modalità applicatice delle sanzioni stabilite dal Governo a seguito della guerra tra Russia e Ucraina. L’appello è stato lanciato da Arturo Venanzi presidente reggente di Confindustria Fermo. I calzaturieri del distretto del fermano, infatti, hanno sollecitato l’intervento della politica definendo le sanzioni contro la Russia "giuste" ma "vanno interpretate". A tal proposito il presidente Arturo Venanzi ha detto: "Un conflitto che porta dolore e morte. La nostra risposta, come Occidente, sono state le sanzioni. Abbiamo scelto di colpire economicamente la Russia. Però dobbiamo fare attenzione, perché ogni norma se non ben scritta può causare danni imprevedibili". Una puntualizzazione che ha come destinatio il lesgilatore? "La Russia, è bene ricordarlo, per il settore Moda è un mercato fondamentale. È vero che a livello regionale la percentuale di export sembra marginale (3-5%), ma per la provincia di Fermo arriva al 40%. Un volume di affari garantito per il 90% da calzaturiero e accessori, dalle borse alla componentistica. Tra l’altro, questi dati non tengono conto delle triangolazioni che riguardano altri Paesi dove passa merce poi diretta in Russia".

Il sistema economico del fermano è molto interessato al mercato russo considerando che nel settore calzaturiero ci sono aziende che hanno l’80% del fatturato legato al mercato russo e ucraino. "Il problema più importante, al momento, è il mancato pagamento di ordini e merce consegnata. E questo perché le banche italiane non lavorano più con la Russia dopo l’espulsione dal sistema Swift e anche per scelta". Le sanzioni decise dall’Unione Europea, tecnicamente, colpiscono i prodotti di lusso, ma il parametro scelto, 300 euro, ferma anche una grande fetta del made in Italy, confondendo l’artigianalità di un capo o una scarpa con il lusso.

"Tutto andrebbe parametrato: è lusso un abito da 350 euro o forse lo è una bottiglia di champagne francese da 250? Certe scelte, prese senza differenziare la tipologia di merce, stanno creando un danno enorme. Aggiungendoci la difficoltà dei pagamenti si comprende come il nostro settore sia a rischio di sopravvivenza". È necessario dare una corretta interpretazione delle norme è l’invito rivolto ai politici: "Ci devono essere i margini per far arrivare i pagamenti. Ma per riuscirci serve l’intervento del Governo. La possibilità, stando ai nostri esponenti politici, ci sono, la volontà? Bisogna capire che bloccando i pagamenti di prodotti di moda e manifatturieri non si danneggia il russo, ma l’imprenditore che ha lavorato. Tecnicamente – ribadisce Venanzi – si stanno fermando soldi nostri. Siamo tutti contro la guerra, sappiamo che va fermata l’avanzata della Russia. Ma è evidente che non si può per incapacità di applicazione delle sanzioni finire per far fallire decine e decine di aziende, che poi significa lasciare senza posto di lavoro migliaia di persone. Intaseremo così il sistema sociale e di sussistenza di Comuni e Stato, quando basterebbe agevolare un commercio che non ha nulla di indegno. Continuiamo a comprare il gas russo, ma non possiamo riscuotere i pagamenti di scarpe e borse, è ora di dire basta". Confindustria Nazionale e Assocalzaturifici stanno lavorando per trovare una soluzione condivisa, che tuteli i principi internazionali e non cancelli il know how di un distretto che non ha eguali. "Ci sono 50 aziende del distretto fermano-maceratese iscritte all’Obuv, la fiera di Mosca in programma dal 26 al 29 aprile. Ma se vendono, poi come le pagano? Servono chiarimenti in fretta".

Vittorio Bellagamba

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?