Leoni: "Subito il punto sulla nuova scuola"

Il neo sindaco monturanese ha le idee chiare: "Ragioniamo sulle ripercussioni, non vogliamo creare disagi al quartiere"

Leoni: "Subito il punto sulla nuova scuola"

Leoni: "Subito il punto sulla nuova scuola"

Sono giorni di lavoro intensi per il neo sindaco di Monte Urano Aqndrea Leoni, al lavoro non solo in Comune per andare a conoscere da vicino lo stato di salute della macchina amministrata, ma anche politicamente visto che sono in corso gli incontri decisivi per poi ufficializzare le deleghe e la giunta.

Sindaco, procede il dialogo all’interno della lista e con le forze politiche. A che punto è l’attribuzione delle deleghe e quindi la nuova giunta?

"Ci stiamo confrontando apertamente con la maggioranza per le assegnazione delle deleghe. Ci sono diverse considerazioni che vanno fatti e vari aspetti che vanno tenuti in considerazione: non solo le preferenze che ogni candidato ha avuto ma anche le disponibilità dei singoli e capire quali sono le necessità e le esigenze della macchina amministrativa. Sono dunque tanti i fattori da tenere in seria considerazione per poter poi chiudere una scelta molto importante come quella di affidare le deleghe"

Elezioni alle spalle e ora si guarda avanti. Quali sono le priorità per Monte Urano da affrontare in questi primi 100 giorni di mandato?

"Nei primi 100 giorni faremo chiaramente il punto sulla nuova scuola, ragionando e valutando le ripercussioni che una simile opera e un simile cantiere porterà sul quartiere Incancellata. Dobbiamo essere pronti a non creare disservizi ai quartieri, alle strutture e ai residenti. E’ una situazione che ha una ricaduta molto importante sul comune e sull’intera cittadinanza".

Durante la campagna elettorale ha avuto modo di elogiare spesso una macchina amministrativa che funzionava bene. Dopo i primi giorni alla guida l’impressione che aveva è confermata?

"La macchina amministrativa funziona se ci sono attori per farla funzionare bene. Ereditiamo una difficoltà nell’ufficio lavori pubblici, con funzioni e posizioni sguarnite all’interno che ci hanno portato a delle emergenze. Penso al completamento di via Borgo Nuovo e allo Stadio ma anche molte altre opere sulle quali vorremmo accendere la luce ma non possiamo farlo perché mancano corpi dirigenziali da colmare quanto prima. Un’eredità pesante che ci è arrivata e a cui dobbiamo mettere mano con la collaborazione di tutta la macchina amministrativa presente e devo dire che stanno dando tutti quanti assolutamente il massimo, per questo assolutamente li ringrazio".

Roberto Cruciani