Perseguita la ex, viene denunciato

I carabinieri di Montegranaro sono intervenuti per mettere fine a minacce e pedinamenti del 37enne

Perseguita la ex, viene denunciato

Perseguita la ex, viene denunciato

MONTEGRANARO

Dopo la fine della loro relazione ha iniziato a perseguitarla con telefonate a tutte le ore del giorno e della notte, arrivando a minacciarla pesantemente e a pedinarla fin sul posto di lavoro. Per questo motivo i carabinieri di Montegranaro hanno denunciato alla Procura della Repubblica, per stalking, un 37enne del posto già noto alle forze dell’ordine. Gli atti persecutori iniziano il 9 aprile scorso, quando, dopo due anni e mezzo di rapporto sentimentale, lei decide di farla finita perché il suo compagno è diventato troppo geloso e ossessivo. Lui non accetta di buon grado la scelta della sua ex, anche lei di Montegranaro, e inizia tempestarla di telefonate minatorie: "Io ti rovino", "Non pensare di passarla liscia". Dopo le telefonate arrivano i comportamenti molesti e i pedinamenti, fino a quando la giovane non si ritrova il suo ex compagno sul posto di lavoro. Inizia ad aver paura e in lei si genera uno stato di continua ansia al punto che la giovane modifica le sue abitudini di vita per timore della sua incolumità. A quel punto lei, esasperata, decide di denunciare i fatti ai carabinieri di Montegranaro, che fanno scattare un’approfondita serie di accertamenti. I militari dell’Arma a conclusione delle indagini, hanno informato la competente autorità giudiziaria e hanno attivato il Codice Rosso per garantire la tutela della vittima.

Non tutti sanno che il 17 luglio 2019 è stato approvato definitivamente dal Senato il cosiddetto Codice Rosso che ha modificato il codice penale, il codice di procedura penale e altre disposizioni in materia di tutela delle vittime di violenza domestica e di genere. Il provvedimento è entrato in vigore il 9 agosto 2019 e la legge deve il suo nome alla misura che prevede l’introduzione di una corsia veloce e preferenziale per le denunce e le indagini riguardanti casi di violenza contro donne o minori, come avviene nei pronto soccorso per i pazienti che necessitano di un intervento immediato. Nella caserma dei carabinieri del Comando provinciale di Fermo è stata anche allestita una stanza protetta per l’ascolto delle vittime di violenza domestica e di genere, con la presenza di personale specializzato.

Fabio Castori