Quotidiano Nazionale logo
9 apr 2022

Pro Loco, torna la festa dopo il Covid

In programma i primi tre giorni di luglio, mira a diventare ora una manifestazione nazionale

Pro Loco in Festa la più bella manifestazione di inizio estate, rinasce nei primi tre giorni del prossimo mese di luglio, dopo due anni di interruzione a causa del Covid. Avrà maggiore slancio e soprattutto un preciso obiettivo: quello di diventare un evento di carattere “nazionale” per la partecipazione di Pro Loco in rappresentanza di tutte le regioni. La prima tappa dell’ambizioso progetto sarà di assumere caratura regionale. I responsabili Unpli (unione nazionale Pro Loco) regionale, provinciale e locale hanno inteso incominciare a muoversi fin da subito in tale direzione mediante la sottoscrizione di un protocollo d’intesa: "Per l’organizzazione della manifestazione nazionale Pro Loco in festa. E’ stato firmato ieri mattina nel palazzo del turismo di Porto San Giorgio dai presidenti regionale Unpli, Marco Silla, provinciale Fermo-Ascoli, Quinto Sagripanti, locale, Massimo Agostini e dal sindaco di Porto San Giorgio, Nicola Loira". Ha dato la sua "benedizione" da remoto il presidente nazionale Antonino La Spina, secondo cui Pro Loco in Festa entra nel programma nazionale dell’Unpli perché è un punto di riferimento per tutte le associazioni d’ Italia: "Se la Regione ci crederà questa manifestazione può solo crescere, magari anche con pacchetti viaggio, oltre ad una promozione nazionale" afferma Silla. Pienamente d’accordo il sindaco Loira il quale ha sempre appoggiato la festa mettendo a disposizione il lungomare per il suo svolgimento e riferisce che: "L’ho detto spesso alla Regione che Pro Loco in festa è la vera vetrina dei nostri territori perché ogni provincia porta qui il meglio delle sue tradizioni e e specificità". "Come Unpli – aggiunge Sagripanti – curiamo i rapporti con le Pro Loco e tutte ci stanno chiedendo se la festa riprende quest’anno. Vogliono intervenire perché essa garantisce loro delle risorse che poi reinvestono nei Comuni di provenienza". Secondo Agostini, "150 mila le persone che gravitano durante la festa su cui dice di credere per la sua capacità di valorizzare i costumi, la gastronomia, il dialetto". Dopo aver assicurato che Pro Loco in Festa sarà completamente compostabile, Silla chiude rendendo noto che: "Abbiamo già 36 Pro Loco partecipanti pronte a riempire il lungomare con specialità gastronomiche e non solo".

Silvio Sebastiani

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?